MERCOLEDÌ 26 SETTEMBRE 2018, 16:23, IN TERRIS

OLIMPIADI 2026

Milano-Cortina, Giorgetti: "Decisione entro venerdì"

Il sottosegretario con delega allo Sport: "Domani il Cdm, la posizione del governo l'ho riassunta"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Cerchi olimpici
Cerchi olimpici
E

ntro la fine della settimana sarà fatta luce piena sulle Olimpiadi invernali del 2026, perlomeno per quanto riguarda il tema candidature. Lo ha fatto sapere il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti (il quale possiede anche la delega allo Sport), spiegando che "domani si terrà il Consiglio dei ministri", ritenendo che "per venerdì ci sarà una posizione definitiva". Parole pronunciate durante la conferenza stampa di presentazione della cinquantesima edizione della Barcolana, tenuta a Palazzo Chig e inevitabilmente dirottata su uno dei temi più caldi dell'agenda politica italiana e con il mondo dello sport in attesa di capire quali saranno le città candidate a ospitare i Giochi invernali: "La posizione del governo, al di là delle simpatie per questa o quella candidatura, l’ho riassunta chiaramente".


Giorgetti: "C'è una proposta"

Il sottosegretario ha spiegato che, al momento, "c’è una proposta del Coni per la quale è stata chiesta una condivisione senza se e senza ma. Purtroppo non è arrivata. Ora ci sono altre iniziative (avanzate da Lombardia e Veneto, ndr) che puntano con proprie risorse e capacità organizzative a mantenere in piedi la candidatura. Vediamo se nelle prossime ore si metterà un punto fermo, se succederà insomma qualcosa prima che il presidente Malagò parta per Buenos Aires, dove si terrà la sessione Cio sulle candidature". Il riferimento del delegato allo Sport è sia al naufragio della candidatura a tre Milano-Torino-Cortina, l'unica supportata dal governo, sia alla proposta lombardo-veneta, avanzata immediatamente dopo il forfait del capoluogo piemontese.


L'ipotesi lombarda-veneta

"Se mi si chiede se questa candidatura può stare in piedi - ha concluso Giorgetti riferendosi alla candidatura a due - io dico di sì se i candidati dimostreranno di poter garantire loro questa candidatura. Dipenderà dai sindaci e dai presidenti delle regioni interessate". Primi cittadini che, in realtà, hanno dato il loro assenso lasciando però ai presidenti delle due regioni, Zaia (Veneto) e Fontana (Lombardia), l'avanzamento della richiesta al Coni e al governo: l'idea di fondo, come ipotizzato a suo tempo anche dal sindaco meneghino Sala, sarebbe creare una doppia organizzazione con il brand milanese come capofila. Di rimando, resiste la posizione torinese che, nel 2026, vorrebbe festeggiare il ventennale dell'apprezzata Olimpiade di Torino 2006 con una nuova organizzazione singola.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Mario Sossi durante il rapimento
MAGISTRATURA

E' morto il giudice Mario Sossi: fu rapito dalle Br

Pubblico ministero nel processo alla XXII Ottobre: il suo sequestro durò oltre un mese
Il vertice di maggioranza
GOVERNO

Manovra, braccio di ferro sulle microtasse

Frizione Italia Viva-Pd, sospeso il vertice. Bellanova: "Con plastic e sugar tax si rischia il disastro occupazionale"
Pedoni solitari
53° RAPPORTO CENSIS

Italiani sempre più ansiosi e dipendenti da smartphone

Lo scenario politico odierno è affollato da "non decisioni"
Bimba in lacrime al nido
VARESE

Maltratta i bimbi e si apparta col compagno: maestra sospesa

"Guardati, fai schifo", "piangi che così ti passa" sono le frasi rivolte alle piccole vittime del...
Volontarie della croce rossa e personale ospedaliero
SALUTE

Firmato accordo tra Croce rossa e Campus bio-medico

Le crocerossine, con la loro attività di volontariato, supporteranno l’attività infermieristica
Un bambino migrante
MIGRANTI

Quasi 6500 minori non accompagnati vivono in centri d’accoglienza

Unicef: "Altri 5000 giovani migranti e rifugiati arrivati nel nostro Paese soli sono irreperibili"
Parte del manifesto blasfemo apparso a Bologna

Un'offesa alla Mamma Celeste

A Bologna, una festa universitaria diventa blasfema
Donald Trump
KIEVGATE

Via libera all'impeachment: cosa rischia Trump

L'annuncio della speaker Nancy Pelosi ha mandato su tutte le furie il presidente. Ma c'è lo scoglio del Senato
Concilio Vaticano II

Pietro non fa politica

La tentazione è vecchia di due millenni: cercare di tirare la bianca veste verso una parte,...
Palazzo Chigi
GOVERNO

Manovra, salta l'intesa in Cdm

Ok alla riforma del processo civile ma Italia viva fa muro su sugar e plastic tax. Conte: "L'esecutivo va avanti"
AFRICA

Ecco chi sono le 14 persone rapite dall'Isis

La notizia è stata diffusa dal Site
L'elemosiniere di Sua Santità, Konrad Krajewski, e Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant'Egidio, mentre accolgono i 33 profughi provenienti da Lesbo a Roma Fiumicino - Foto © Sir
CHIESA IN USCITA

L'elemosiniere del Papa: "Se aprissimo le nostre parrocchie, a Lesbo non ci sarebbero più profughi"

Parla il cardinale Krajewski, giunto a Fiumicino ad accogliere 33 rifugiati