L'Italrugby affonda a Dublino: l'Irlanda si impone per 56-19

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:43

Dopo il pesante k.o. subito all'Olimpico di Roma nel debutto al Sei Nazioni, l'Italrugby affonda a Dublino sotto i colpi dell'Irlanda. E' la seconda sconfitta nel torneo per gli azzurri guidati dal ct O'Shea. Si infrangono i sogni di del capitano Parisse, che alla vigilia del match, in conferenza stampa, aveva detto: “Siamo preparati non solo per difendere ma anche ad attaccare perché, come si dice, la miglior difesa è l'attacco. Saranno fondamentali i primi venti minuti della partita, durante i quali non dovremo concedere loro mete e punti facili“. Ed è proprio nei primi minuti della gara gli azzurri soffrono la superiorità dell'Irlanda, che si impone con il punteggio di 56-19 (28-0). A nulla servono le tre mete, arrivate nel finale, e messe a segno da Allan, Gori e Minozzi. 

La partita

Ci si aspettava una reazione in terra irlandese, e invece gli azzurri soffrono sin dal primo minuto. Al 4' Porter deve subentrare a Furlong, e all' 11' arriva la prima meta irlandese con una percussione di Henshaw. L'Italia accusa il colpo ma non dà segni di vita. E dopo tre minuti gli azzurri si ritrovano 14-0: i padroni di casa mandano in marcatura Murray che non sbaglia. Al 21' la terza meta dell'Irlanda, con Aki che trova un grande varco nella difesa azzurra. Prima dell'intervallo i Verdi trovano il poker (con relativo bonus): Aki si invola, l'ovale arriva a Earls che va in meta. All'intervallo il risultato è 28-0 per i padroni di casa. L'Italia è in balia degli avversari e fatica anche nella ripresa a mantenere il controllo.

Suprezia Verdi

Nella ripresa l'Irlanda va a segno al 5' con Henshaw, che sfrutta un errore altrui per schiacciare oltre la linea bianca, salvo poi farsi male nel placcaggio, tanto da uscire dal campo. 35-0. Dopo nemmeno dieci minuti anche Best va a referto. Bisogna attendere il 17' per vedere l'Italia togliere lo zero dal tabellone: Allan sfrutta il lavoro di Castello per andare in meta. Irlanda ancora sugli scudi con Stockdale al 15', azzurri alla seconda marcatura al 25' con Gori, che raccoglie l'ovale lanciato al centro da Parisse per schiacciare lecitamente, anche per il Tmo. Entrambe le mete trasformate per il 49-14 di un'Irlanda che al 30' fa ancora festa con la corsa vincente di Stockdale e la trasformazione di Carbery. A 5 minuti dalla fine l'Italia trova la sua terza meta (non trasformata da Allan) con Minozzi, che se ne va sull'out per depositare il definitivo 56-19. Per gli azzurri è la quattordicesima sconfitta consecutiva. Per la terza giornata del Torneo, Parisse e compagni saranno di scena al Velodrome di Marsiglia per sfidare, venerdì 23 febbraio alle ore 21:00, i padroni di casa della Francia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.