Gran Premio d’Ungheria, Vettel parte in pole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:39

La pole del Gran Premio d’Ungheria si tinge di rosso. La Prima fila del Gp è delle Ferrari: Sebastian Vettel ha conquistato la pole position, precedendo il compagno di squadra Kimi Raikkonen. Seconda fila per le Mercedes di Valtteri Bottas e Lewis Hamilton.

La pole

Vettel ha chiuso con il tempo di 1’16”276, precedendo di 168 millesimi Raikkonen. Due e quattro decimi di ritardo, rispettivamente, per le Mercedes del finlandese e dell’inglese. Alle loro spalle, partiranno in terza fila le Red Bull di Max Verstappen e Daniel Ricciardo, staccate di circa mezzo secondo dal tedesco. Settimo posto in griglia per Nico Huelkenberg, con la Renault, ottavo e nono per le McLaren di Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne, decimo per Carlos Sainz con la Toro Rosso.

Vettel “Grande lavoro, grazie a tutti”

“Grande, grande lavoro, grazie a tutti, eccezionale lavoro”: così Sebastian Vettel, fresco di pole position al Gp di Ungheria che si corre domani all’Hungaroring. “La macchina ha registrato oggi bei progressi – ha detto Vettel, alla 48/a pole in carriera – mi piace tanto questa pista, però attendiamo domani. Abbiamo lavorato sodo – risponde il pilota tedesco dopo le difficoltà palesate ieri nelle ‘libere’ – Le ultime gare non sono state grandiose ma adesso cerchiamo di fare il meglio. Sono contento del livello raggiunto, ma non dobbiamo dimenticare dove eravamo 12 mesi fa e dove stiamo adesso, l’obiettivo principale è però quello di domani e il risultato e il tifo di di oggi sono sicuramente una bella iniezione di fiducia”. Prima fila anche per l’altro ferrarista Kimi Raikkonen che però non nasconde un pizzico di rimpianto: “Peccato, perchè sono salito sul cordolo e ho perso un po’ di tempo. Sono un pochino deluso perchè sentivo la pole a portata di mano”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.