Addio a Niki Lauda

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:35

E'morto Niki Lauda. La leggenda della Formula 1, reso celebre anche dal film-biopic di grande successo “Rush”, aveva 70 anni. Andreas Nikolaus, detto Niki, era infatti nato a Vienna, in Austria, il 22 febbraio 1949 da una ricca famiglia di banchieri viennesi che non volevano supportarlo nel suo interesse – iniziato da giovanissimo – alle corse automobilistiche perché ritenevano che ciò li avrebbe screditati agli occhi dell'alta società. Ciò non fermò il futuro campione del mondo che nel 1968, a 19 anni, decise di abbandonare gli studi universitari e, dopo aver preso in prestito del denaro da alcune banche del Paese, comprò la sua prima vettura e inizio a disputare gare. nella sua lunga carriera, è stato tre volte campione del mondo di Formula 1 (nel 1975 e 1977 con la Ferrari, nel 1984 con la McLaren), ha disputato 171 Gran Premi, vincendone 25, segnando 24 pole position e altrettanti giri veloci. Ha avuto una carriera sportiva di grande livello guidando per March, BRM, Ferrari, Brabham e, infine, McLaren. Come imprenditore ha fondato e diretto due compagnie aeree, la Lauda Air e la Niki; come dirigente sportivo, dopo avere diretto per due stagioni la Jaguar, dal 2012 fino alla sua scomparsa ha ricoperto la carica di presidente non esecutivo della scuderia Mercedes AMG F1.

La morte

Il 2 agosto 2018 era stato ricoverato presso l'Allgemeines Krankenhaus di Vienna a causa di complicanze dovute ad una infezione polmonare, subendo un trapianto di polmone. Dopo aver passato quasi un anno di degenza dovuta al difficile intervento e alla successiva dialisi a cui è stato sottoposto, il 3 volte campione del mondo di Formula 1 è deceduto nella notte tra il 20 ed il 21 maggio 2019 in una clinica svizzera corcondatto dall'affetto dei suoi 5 figli.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.