Spiritualità

La vita di san Galdino, cardinale e arcivescovo di Milano

San Galdino, cardinale di Milano, Milano, 1096 ca,- Milano, 18/04/1176 Galdino Della Scala proviene da una famiglia della piccola nobiltà lombarda.

Avvenimenti

• Una volta ordinato sacerdote, diviene cancelliere e arcidiacono a Milano. Galdino, con la Chiesa milanese guidata dall’arcivescovo Oberto, sostiene papa Alessandro III contro l’antipapa Vittore IV, appoggiato dal Barbarossa. Quest’ultimo, durante l’assedio di Milano, fa imprigionare Galdino per un periodo di sei mesi.

• Nel 1165 viene nominato cardinale e l’anno dopo arcivescovo di Milano, divenendo il primo arcivescovo di Milano a essere anche cardinale. Contribuisce alla ricostruzione della città, distrutta dal Barbarossa.

• È uno dei protettori di Milano, insieme ad Ambrogio e Carlo Borromeo.

Aneddoti

• Restaura la cattedrale della città anche con l’aiuto delle donne milanesi, che donano i gioielli che sono riuscite a sottrarre al saccheggio del Barbarossa.

• Su di un edificio destinato ai nuovi amministratori di Milano che devono ricostruire la città fa scrivere: «Voi siete qui solo per servire i bisognosi».

• Per molto tempo a Milano l’aiuto alimentare per i poveri che si vergognano di elemosinarlo viene chiamato “il pane di san Galdino”.

Spiritualità

Organizza un servizio di assistenza per la popolazione, prostrata dalla distruzione subita. Instancabile predicatore. Assiste soprattutto i carcerati, che scontano la pena per debiti insoluti a causa della povertà. È uno strenuo difensore della fede. Grande fedeltà alla Santa Sede. Lotta soprattutto contro l’eresia catara, che propugna una Chiesa perfettamente pura. «Era tanto umile da sembrare a qualcuno persino degno di disprezzo a motivo della sua umiltà. Mansueto e benigno con tutti, era modello di bontà e misericordia» (beato Ilarione).

Morte

Veramente stremato dalle fatiche pastorali, muore sul pulpito del duomo di Milano (secondo altri agiografi nella chiesa di Santa Tecla) appena finito di predicare contro gli eretici catari. I suoi resti mortali sono conservati nel duomo di Milano.

Tratto dal libro “I santi del giorno ci insegnano a vivere e a morire” di Luigi Luzi

Luigi Luzi

Recent Posts

“Vi guiderà a tutta la verità” Il commento di mons. Angelo Spina

Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 15,26-27; 16,12-15 https://www.youtube.com/watch?v=wYp4mRDAah8 In quel tempo, Gesù disse ai suoi…

19 Maggio 2024

San Urbano I, ecco cosa decise riguardo al sacramento della Cresima

San Urbano I, Papa e martire Roma, ?- Roma, 19/05/230. Nasce da una nobile famiglia…

19 Maggio 2024

Pentecoste: la “Pasqua delle Rose”

“Davanti agli occhi della nostra fede si apre il Cenacolo di Gerusalemme, dal quale è…

19 Maggio 2024

Sos Myanmar, cristiani sotto attacco

Allarme Myanmar. Bombardamenti aerei dell'esercito regolare birmano hanno colpito una chiesa cattolica e una chiesa…

19 Maggio 2024

“Più vita alla vita”. Staffetta Masci nelle regioni

Il Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani raccoglie l'appello papale per la difesa della vita. Mobilitazione…

19 Maggio 2024

La storia di Matteo Violani, da “angelo del fango” ad Alfiere della Repubblica

Matteo ha appena compiuto 18 anni. Il giorno del compleanno, tra i doni, riceve un…

19 Maggio 2024