Spiritualità

Santo Stefano, il primo martire della Chiesa

Oggi, 26 dicembre, la Chiesa celebra S. Stefano Diacono e protomartire lapidato a Gerusalemme il 35 d.C. circa.

È il primo martire della cristianità: proprio per questo motivo è chiamato “Protomartire”. La sua festa viene celebrata subito dopo la nascita di Gesù per evidenziare il profondo legame che esiste tra l’incarnazione e il martirio.

È condiscepolo di Saulo di Tarso alla scuola di Gamaliele in Gerusalemme: sono entrambi rappresentanti di una comunità votata al rinnovamento dell’interpretazione della Bibbia.

Gli Atti degli Apostoli

La storia di Stefano ha una fonte assolutamente credibile: gli Atti degli Apostoli, come afferma giustamente sant’Agostino. Di lui è scritto che era pieno “di fede e di Spirito Santo”; viene eletto dagli Apostoli come primo dei sette diaconi, addetto al servizio dei po- veri. È un valido predicatore e, come testimoniano gli Atti, “faceva grandi prodigi e segni tra il popolo”. Si impegna quotidianamente a diffondere con successo la Buona Novella; i giudei lo ritengono troppo pericoloso, così “gli piombarono addosso, lo catturarono e lo condussero davanti al sinedrio” con l’accusa di parlare contro la legge ebraica.

Al sinedrio Stefano parla a lungo e con coraggio, chiama i suoi ascoltatori “testardi e incirconcisi di cuore” perché oppongono resistenza allo Spirito Santo e, come i loro padri hanno perseguitato i profeti, così loro hanno ucciso il Cristo, di cui i profeti avevano preannunciato la venuta.

Saulo

Il più violento dei suoi accusatori è Saulo, che con insistenza chiede per lui la lapidazione, Il sangue del martirio per la fedeltà a Cristo inizia con Stefano a essere il fecondo seme dei cristiani. Dopo la sua uccisione tra la Chiesa nascente e la sinagoga ebraica il distacco si fa sempre più grande, fino alla definitiva separazione.

Scrive sant’Agostino: “Se Stefano non avesse pregato, la Chiesa non avrebbe ottenuto Paolo”.

La morte

Stefano viene portato nella valle del Cedron – una valle situata tra la Città Vecchia di Gerusalemme e il Monte degli Ulivi, che prende il nome dal torrente Cedron – per essere lapidato. Gli ebrei approfittano della momentanea assenza del governatore romano per giustiziarlo.

In ginocchio Stefano prega: “Signore Gesù, accogli il mio spirito. Non imputare loro questo peccato”. Si comporta come Gesù, che in croce prega e chiede perdono per i suoi carnefici. Col perdono Stefano insegna che il vero martire non va contro nessuno, ma dona la vita perché tutti, compresi i suoi carnefici, possano aderire al messaggio di Cristo.

Mentre viene lapidato, il Santo esclama: “Ecco, contemplo i cieli aperti e il Figlio dell’uomo che sta alla destra di Dio“. È presente anche Saulo, che custodisce le vesti dei lapidatori. Riferiscono gli Atti degli Apostoli: “Uomini pii seppellirono Stefano e fecero un grande lutto per lui”. Venne sepolto da Gamaliele. Nel 415 le sue reliquie sono ritrovate e, diffuse in vari ambienti, contribuiscono a diffondere ulteriormente il suo culto, già molto presente.

Iconografia

É rappresentato in giovane età, con la veste da diacono (dalmatica) e con le pietre con cui viene lapidato.

Luigi Luzi

Recent Posts

Asti, il presidente Mattarella ricorda Giovanni Goria

Il Presidente della Repubblica si è recato ad Asti nell’ambito delle celebrazioni in occasione dell’anniversario…

23 Maggio 2024

“La piaga della tratta si può sconfiggere”: il Papa alla rete Talitha Kum

"Per sconfiggere la tratta di persone, una delle piaghe più terribili del nostro tempo, è…

23 Maggio 2024

Meloni: “I valori di Falcone più forti delle bombe di Capaci”

"Giovanni Falcone ci ha insegnato che 'gli uomini passano, le idee restano'": è un passaggio…

23 Maggio 2024

Riconosciuto un nuovo miracolo del beato Carlo Acutis

Papa Francesco ha riconosciuto un nuovo miracolo compiuto per intercessione del beato Carlo Acutis. Il…

23 Maggio 2024

Il Papa alle suore ospedaliere: “Tutti abbiamo bisogno di guarigione”

Questa mattina, nel Palazzo Apostolico Vaticano, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza i…

23 Maggio 2024

Capaci, Mattarella: “La mafia è destinata a finire”

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rilasciato una dichiarazione in occasione del 32° anniversario…

23 Maggio 2024