Spiaggia sul Tevere: ancora un rinvio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:03

Più che un'estate sarà un autunno sul fiume, nel quale gli aperitivi serali sotto il cielo di settembre prenderanno il posto delle partite di beach volley. Ritarda ulteriormente, infatti, l'apertura di “Tiberis“, la spiaggia sotto Ponte Marconi voluta dall'amministrazione Raggi per avviare un percorso di riqualificazione e valorizzazione delle sponde del Tevere, sul modello del lungosénna di Parigi. 

Maltempo in arrivo?

Condizioni meteo avverse” hanno impedito l'inaugurazione prevista per oggi alle 19. La nota diffusa dal cerimoniale del Campidoglio ha colto di sopresa gli invitati, se non altro per il caldo e il bel tempo che caratterizza Roma in questi giorni. Probabile, però, che il comunicato faccia riferimento ai temporali previsti nel pomeriggio, nelle stesse ore in cui dovrebbe avvenire il taglio del nastro. Opportuno, dunque, aspettare qualche altro giorno. 

Progetto simbolo

L'apertura di Tiberis, nel quale sorgerà uno stabilimento modello anni 60, è stata posticipata già diverse volte, nonostante Virginia Raggi volesse farne il luogo simbolo della “sua” estate romana, non limitata agli eventi musicali e culturali e al Tevere Expo, e del progetto di bonifica e fruibilità del fiume capitolino.  “Il Tevere è il fiume che attraverso Roma, ma purtroppo non rappresenta una parte viva e pulsante della città a differenza di molte città europee – aveva detto lo scorso anno la sindaca – per questo per la prossima estate ci sarà un progetto che riguarderà un'area di diecimila metri quadrati vicina a a Ponte Marconi con una spiaggia e campi sportivi. Vogliamo restituire decoro e vivibilità alle aree fluviali. Per questo Roma Capitale ha creato dei gruppi di lavoro e una app dedicati al monitoraggio delle criticità presenti lungo il tratto urbano del Tevere, per rilevare fenomeni di degrado, presenza di rifiuti e di insediamenti abusivi“. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.