Agguato davanti un asilo nido, morto il 35enne ferito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:10

E'morto Andrea G., il pregiudicato ferito a colpi di pistola davanti al nido “Mais e Girasole”  in via Castiglion Fibocchi, nel quartiere Magliana. Un agguato che, nella dinamica, ha ricordato quelli messi in atto nella nota serie Romanzo criminale, incentrata proprio sulle vicende della banda della Magliana: intorno alle 8.50 l'uomo, di 35 anni, è stato colpito da alcuni proiettili esplosi da un uomo in scooter, per poi essere trasportato d'urgenza presso il Policlinico San Camillo, in gravi condizioni. Sulla vicenda indaga la polizia. Secondo le prime ricostruzioni, la vittima aveva appena accompagnato a scuola la figlia e, una volta salito in automobile, sarebbe stato affiancato dal motorino da cui sarebbero stati esplosi i colpi contro di lui. L'uomo è stato trasportato in codice rosso in ospedale, dove è spirato dopo alcune ore di agonia. La ferita più grave era stata riportata alla testa e i medici hanno tentato di bloccare l'emorragia. Dimessa invece la sua compagna, rimasta lievemente ferita all'inguine. 

Regolamento di conti?

Panico fuori dal nido. Genitori, bambini e passanti hanno assistito a quello che sembrerebbe a tutti gli effetti un regolamento di conti, anche perché la vittima sarebbe persona nota alle Forze dell'ordine (era fra coloro che parteciparono all'estorsione ai danni di un imprenditore, per la quale fu condannato assieme a Tamara Pisnoli). La strada è stata subito chiusa per consentire i rilievi della Scientifica.

Caccia all'uomo

La polizia sta ora cercando di individuare i responsabili del ferimento. A sparare sarebbe stata una sola persona che, dopo l'agguato, è riuscita ad allontanarsi in modo indisturbato con il volto celato da un casco. In tutto il quadrante sud e ovest della Capitale sono stati istituiti posti di blocco mentre la zona della sparatoria è stata setacciata. Un elicottero della polizia sta sorvolando i quartieri di Marconi, Ostiense e Garbatella. 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.