MARTEDÌ 04 DICEMBRE 2018, 11:00, IN TERRIS

Musulmani a favore del presepe

La Lega islamica del Veneto dopo le recenti polemiche: "A noi non dà fastidio"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Presepe
Presepe
P

iù di qualcuno sostiene che i veri oppositori dei simboli cristiani non siano i credenti di altre religioni, bensì i fautori della laicizzazione della società. Notizie come quella che giunge dal Veneto sembrano dar ragione a questa corrente di pensiero.

Dopo le polemiche scoppiate in alcune scuole venete sulla presenza di presepi e recite natalizie, ad intervenire è la Lega islamica del Veneto, ma non per stigmatizzare la coltivazione delle tradizioni cristiane a scuola, tutt'altro. "Come ogni anno - spiega il presidente Bouchaib Tanji - si cerca di tirare in ballo i musulmani". I quali però hanno "detto, chiarito e sottolineato che vedere un Presepe, cantare il Natale o ascoltare il nome di Gesù e di Maria, a noi non dispiace, anzi". Il presidente della Lega islamica del Veneto ha quindi ricordato che, secondo la sua religione, "Gesù Cristo è un grande profeta che ha compiuto miracoli. Gesù Cristo e la Vergine Maria si incontrano in circa 100 versetti del Corano". Tanji ci tiene a ribadire la posizione degli islamici: "Negli scorsi anni abbiamo acquistato pagine intere di giornali per fare gli auguri di Natale ai cristiani (e a tutte le persone di buona volontà), abbiamo donato presepi, abbiamo partecipato alle Sante Messe nelle chiese cattoliche".

Le famiglie musulmane non si sentono quindi offese, "se nella loro scuola si costruisce un presepio. Ci piacerebbe invece che si creassero occasioni per far conoscere a tutti, bambini e giovanissimi compresi, i fondamenti della nostra fede, i nostri luoghi di preghiera, le nostre tradizioni". Dunque il leader musulmano sottolinea che "benvenuto è il Presepe, benvenuta è ogni pratica e tradizione religiosa che rispetta la persona umana e la sua libertà di scelta". Per Tanji "benvenuta sarà anche una discussione seria e intelligente sul modo migliore con cui la scuola pubblica italiana può realizzare la sua funzione di educare ed istruire sulla base di quanto indicato dalla Costituzione". "Auguri quindi a tutti per le prossime Feste di Natale - conclude - sperando che portino più dialogo e meno (infondate) polemiche". La Lega islamica del Veneto, con sede a San Dona del Piave (VE), è nata nel novembre scorso facendo confluire 16 associazioni islamiche presenti e attive in tutto il Veneto.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea Camilleri
ROMA

Camilleri ricoverato in gravi condizioni

Lo scrittore è stato portato al Santo Spirito per un arresto cardiaco, i medici: "Condizioni critiche"
Konduga, il luogo dell'attentato
NIGERIA

Tre attentati suicidi di Boko Haram: decine di morti

Il gruppo fondamentalista ha colpito la città di Konduga, durante la proiezione di una partita
L'Hindu Raj
PAKISTAN

Alpinisti italiani travolti da una valanga

L'ambasciata: "Non ci sono vittime fra i nostri connazionali". Morto un pachistano
Francesco Totti in conferenza
ROMA

La verità di Totti: "Lascio ma non per colpa mia"

L'ex capitano spiega le sue ragioni: "Mai coinvolto in un progetto tecnico. Baldini? Uno dei due era di troppo"
La centrale di Arak
L€ATOMICA

Nucleare: l’accordo tra Usa e Iran non esiste più

Entro dieci giorni Teheran potrebbe produrre 300Kg di uranio
Franco Zeffirelli
CINEMA

Zeffirelli, Firenze rende omaggio al suo maestro

La camera ardente del regista allestita a Palazzo Vecchio