Il re di Svezia: troppi morti, abbiamo fallito. Anche Polonia in lockdown

L'Europa ripensa le regole per il periodo di Natale, i contagi non si fermano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:08

La Polonia entrerà in un regime di lockdown nazionale dal 28 dicembre al 17 gennaio per arginare l’epidemia di Covid. Lo ha annunciato il ministro della Salute Adam Niedzielski, secondo quanto riporta il Guardian. Durante queste tre settimane chiuderanno hotel, piste da sci e centri commerciali.

Il Natale in Europa

Non è il primo Paese a decidere un nuovo lockdown: stessa sorte per l’Inghilterra, la Germania e l’Olanda. Il tentativo di contenere i contagi in vista delle feste natalizie non è andato a buon fine e alla fine ci saranno regole ancora più stringenti proprio durante il periodo natalizio.

La situazione in Inghilterra

Stanno per raggiungere i 38 milioni i cittadini britannici sottoposti a un regime di semi lockdown (con bar e ristoranti chiusi e contatti sociali ristretti) per contenere la pandemia. Si arriva a questi numeri (pari al 68% della popolazione inglese) dopo che il ministro della Sanità, Matt Hancock, ha annunciato oggi in Parlamento l’estensione da sabato delle zone rosse, nel sistema britannico note come ‘Tier 3’, alle contee dell’est e del sud Inghilterra.

I numeri del covid

Ha superato quota 74 milioni il numero di contagi da Covid-19 registrati ufficialmente in tutto il mondo dall’inizio della pandemia, secondo i dati dell’università americana Johns Hopkins. 

Il paese più colpito dal coronavirus in termini assoluti restano gli Stati Uniti, che ieri hanno registrato un nuovo doppio record: oltre 250.000 contagi e 3.700 decessi in un giorno, per un totale che sale a quasi 17 milioni casi e 1,65 milioni morti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.