Primo piano

Parlamento e Consiglio Ue varano regolamento per contrastare il lavoro forzato

Il Parlamento e il Consiglio europeo hanno varato un regolamento per mettere al bando i prodotti realizzati attraverso il lavoro forzato, la moderna forma di schiavitù. Ecco che cosa prevedono le nuove norme. 

L’Ue contro il lavoro forzato

Parlamento e Consiglio Ue hanno raggiunto un primo accordo per mettere al bando i prodotti realizzati attraverso il lavoro forzato, la moderna forma di schivitù che riguarda oltre 26 milioni di persone in tutto il mondo, tra cui minorenni. Lo hanno reso noto le due istituzioni europee. Il regolamento prevede che venga vietata l’immissione e la messa a disposizione sul mercato dell’Ue, o l’esportazione dal mercato Ue, di qualsiasi prodotto realizzato utilizzando il lavoro forzato. Sono state introdotte modifiche significative alla proposta originaria, chiarendo le responsabilità della Commissione e delle autorità nazionali competenti nel processo investigativo e decisionale.

La banca dati

L’esecutivo comunitario istituirà una banca dati contenente informazioni verificabili e regolarmente aggiornate sui rischi del lavoro forzato, comprese le relazioni delle organizzazioni internazionali (come l’Organizzazione internazionale del lavoro). La banca dati dovrebbe supportare il lavoro della Commissione e delle autorità nazionali competenti nel valutare possibili violazioni di questo regolamento. Per valutare la probabilità che avvengano violazioni del regolamento sono previsti dei criteri come: la portata e la gravità del presunto lavoro forzato, compreso se il lavoro forzato imposto dallo Stato possa costituire motivo di preoccupazione; la quantità o il volume dei prodotti immessi o resi disponibili sul mercato dell’Unione; la quota delle parti del prodotto che potrebbero essere realizzate con il lavoro forzato nel prodotto finale; la vicinanza degli operatori economici ai sospetti rischi del lavoro forzato nella loro catena di approvvigionamento e la loro influenza per affrontarli. Verranno pubblicate delle linee guida della Commissione per operatori economici e le autorità competenti per aiutarli a conformarsi ai requisiti del regolamento.

Fonte Ansa

redazione

Recent Posts

Quante persone ogni anno finiscono in carcere per errori giudiziari

Quante sono le persone che finiscono in carcere o agli arresti domiciliari per degli errori…

25 Aprile 2024

Cresce abuso di alcol negli adolescenti: la preoccupazione dell’Oms

Più della metà dei quindicenni in Europa ha sperimentato l'alcol, mentre uno su cinque ha…

25 Aprile 2024

Ricerca salvavita: nasce lo Spazio europeo dei dati sanitari

Il Parlamento europeo ha approvato in via definitiva l'accordo interistituzionale per la creazione di uno…

25 Aprile 2024

Lascia la parrocchia di Gaza, diciottenne muore di malore al confine con l’Egitto

Una storia di dolore quella della giovane Lara Sayegh, la 18enne cristiana morta per un…

25 Aprile 2024

Meloni: “Ribadiamo la nostra avversione a tutti i regimi totalitari”

"Ribadiamo la nostra avversione a tutti i regimi totalitari e autoritari". E' quanto si legge…

25 Aprile 2024

Civitella, Mattarella: “Senza memoria, non c’è futuro”

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del 79esimoanniversario della Liberazione si è recato…

25 Aprile 2024