Primo piano

Milei avverte l’Argentina: “Soldi finiti, inevitabile lo choc”

Il nuovo presidente argentino, Javier Milei, mette le cose in chiaro durante il giuramento come leader della Nazione: “Non ci sono alternative ma sarà l’ultimo sorso amaro”. E promette “crescita e redenzione”.

Milei giura da presidente

“Si è concluso un periodo di decadenza e inizia un cammino di crescita e redenzione.
L’elettorato ha espresso una volontà di cambiamento che non ha ritorno, comincia una nuova era, un’era di pace e prosperità”.

Così si è espresso Javier Milei, nel suo primo discorso come nuovo presidente dell’Argentina tenuto nella scalinata del Palazzo del Congresso e rivolto ai migliaia di sostenitori e cittadini riuniti nella omonima piazza antistante. Un gesto inedito, quest’ultimo, nel protocollo delle cerimonie di insediamento presidenziale che tradizionalmente prevedevano il discorso del presidente di fronte alle camere riunite. Milei ha parlato agli argentini alla presenza dalle delegazioni straniere. Tra i presenti anche il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, con il quale Milei si è scambiato un caloroso abbraccio.

“Choc inevitabile”

Per l’Argentina “non c’è alternativa all’aggiustamento e non c’è alternativa allo choc“.
Lo ha detto il neo presidente, Javier Milei, nel suo primo discorso come capo dello Stato.

Il leader ultraliberista ha avvertito la cittadinanza che “non ci sono soldi” e che il programma di riforme e stabilizzazione economica “avrà un impatto sul livello di attività, di inflazione e di povertà”. “Attraverseremo un periodo di stagflazione ma sarà l’ultimo sorso amaro che dovrà deglutire l’Argentina. Abbiamo ricevuto la peggior eredità della storia”, ha aggiunto.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Beata Raffaella Ybarra da Villaonga, l’angelo custode delle giovani abbandonate

Beata Raffaella Ybarra da Villalonga, Fondatrice delle Suore degli Angeli Custodi Bilbao (Spagna), 16/01/1843 –…

23 Febbraio 2024

Padre Le sei tappe del nostro cammino quaresimale

Domenica scorsa lo Spirito Santo ci spinse con Gesù nel deserto per affrontare i “nostri…

23 Febbraio 2024

Rinascita dalle macerie della guerra. L’esempio dello sport

Ripartire dallo sport dopo la guerra. Il ministro dello Sport Andrea Abodi ha incontrato al…

23 Febbraio 2024

Carenza di acqua e cibo. Sos per l’infanzia afghana

Allarme in Afghanistan per l'infanzia malnutrita. Nel 2024 7,8 milioni di bambini non avranno abbastanza…

23 Febbraio 2024

I morti sul lavoro chiedono giustizia

I morti del cantiere di Firenze chiedono giustizia e pretendono che altri operai non muoiano…

23 Febbraio 2024

L’importanza delle religioni per costruire la pace

Nel momento di grave crisi internazionale che stiamo vivendo, l’esperienza di San Francesco, ci aiuta…

23 Febbraio 2024