Primo piano

Covid, risalgono i nuovi casi e i decessi

Tornano a salire i nuovi casi giornalieri di positività al Covid individuati nel nostro Paese e i decessi, in base agli ultimi dati del Ministero della Salute. Rallenta invece la curva dei ricoveri di pazienti Covid nelle terapie intensive e nei reparti ordinari, secondo quanto emerge dal rapporto degli ospedali sentinella aderenti alla rete della Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso).

I dati

I nuovi casi Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 36.265, quando ieri erano stati 8.944, mentre i decessi salgono da 70 a 128.

I tamponi effettuati sono 228.707, mentre il tasso di positività è risalito dal 14% al 15,8%.

I pazienti in terapia intensiva sono 288, mentre i ricoverati nei reparti ordinari sono 7.339 (205 in meno).

Ricoveri in calo

Rallenta ancora la curva dei ricoveri Covid, il numero complessivo dei pazienti presenti negli ospedali, sia nei reparti ordinari sia nelle terapie intensive, in una settimana è calato del 13,7%. È quanto emerge dal report del 16 agosto degli ospedali sentinella aderenti alla rete Fiaso. Prosegue dunque per la seconda settimana consecutiva la riduzione dei ricoverati: nella rilevazione del 9 agosto era stato registrato un calo netto del 20%. La percentuale di pazienti ricoverati per Covid è pari al 42%, mentre quella di pazienti con Covid rappresenta la maggioranza del 58%. In particolare, sono diminuiti in misura maggiore i pazienti nei reparti Covid ordinari, -13,8%, rispetto alle terapie intensive che hanno ridotto i posti letto occupati del 10,8%. Da sottolineare come i ricoverati in rianimazione, rileva la Fiaso, abbiano tutti un’età media elevata e per oltre il 90% dei casi siano affetti da altre patologie. Permane, inoltre, la differenza di età tra vaccinati (età media 71 anni) e non vaccinati (67 anni) tra i pazienti in intensiva e, tra loro, i ricoverati per Covid, che hanno sviluppato una patologia respiratoria tipica della malattia da Covid, sono per il 40% no vax. In calo del 29% i ricoveri Covid negli ospedali pediatrici e nei reparti di pediatria degli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso (Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere). La scorsa settimana il calo registrato è stato pari al 27%. La classe 0-4 anni è sempre la più colpita (66,6% dei ricoverati); i neonati sotto i sei mesi sono il 37% del totale.

Lorenzo Cipolla

Recent Posts

Una ricetta che stimola la fantasia

I bei frutti rossi del melograno si stanno preparando per guarnire le nostre tavole. Vi…

5 ore ago

Come il caro bollette incide sulle persone affette da grave disabilità motoria

L’aumento dei prezzi dell’energia sta colpendo ognuno di noi, ma riguarda anche e soprattutto le…

5 ore ago

Napoli, da ottobre il patto educativo per salvare i giovani dal “sistema camorristico”

Un patto educativo per impedire che la camorra attragga le nuove generazioni. A proporlo è…

5 ore ago

Dal Tagikistan all’Afghanistan, le tragedie infinite di cui nessuno parla

Tragedie nell'ombra. Francesco richiama senza sosta le stragi che il mondo ignora. Si tratta delle…

5 ore ago

“Rosa e il Paese Ritrovato”, la necessità di raccontare una storia di fragilità

"Rosa e il Paese Ritrovato", il cortometraggio pensato da Marco Fumagalli, coordinatore dei servizi educativi…

5 ore ago

Le tappe per la formazione del governo

La prima indicazione la darà il calendario. Vale a dire: eventuali crepe nella maggioranza di…

5 ore ago