Coronavirus, il cardinal Bassetti trasferito in ospedale

Mons. Russo: "Lo accompagniamo con la preghiera e l'affetto del Popolo di Dio"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:50

L’arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Conferenza episcopale italiana, il cardinale Gualtiero Bassetti, questa mattina è stato trasferito presso l’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, in seguito alla positività al Covid-19, riscontrata nei giorni scorsi.

Presso la struttura sanitaria perugina, verranno verificate e monitorate le sue condizioni di salute con probabile utilizzo di accertamenti strumentali. “Continuiamo ad essere vicini al cardinale presidente – ha affermato monsignor Stefano Russo, segretario generale della Cei -. Lo accompagniamo con la preghiera e l’affetto del Popolo di Dio, che il Signore non farà mancare la sua consolazione e il suo sostegno in questa prova”.

Le parole del card. Bassetti

Nella giornata di ieri, il presidente della Cei aveva scritto ai suoi fedeli invitando “in questo periodo di sofferenza” a percepire “la croce come gloriosa”. “L’Eucarestia, soprattutto in questo periodo così difficile, non può essere lasciata ai margini delle nostre esistenze ma dev’essere rimessa, con ancora più forza, al centro della vita dei cristiani”, ha scritto il cardinale, spiegando che “l’Eucarestia non è soltanto il Sacramento in cui Cristo si riceve – l’anima è piena di grazia e a noi è dato il pegno della gloria futura – ma è l’anima del mondo ed è il fulcro in cui converge tutto l’universo. In definitiva, l’Eucarestia è pro mundi salute, ovvero per la salvezza del mondo, e pro mundi vita, per la vita del mondo (Gv 6, 51)”.

Vivo questo momento con fede e speranza, affidandomi alla misericordia del Padre – ha scritto, inoltre, in un messaggio diffuso dalla Cei – Ringrazio quanti si sono resi vicini con messaggi di solidarietà e con la preghiera”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.