La tumbarella: sapori e profumi da Stintino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08

Per il nostro viaggio di nozze, io e mio marito abbiamo scelto di vistare la Sardegna, in particolare la zona di Stintino e del parco naturale dell’Asinara. Paesaggi magnifici, con l’occhio che si perde nelle mille sfumature di azzurro, verde smeraldo e blu intenso del mare che circondano le coste. Dopo la ricetta delle Seadas, vi voglio proporre quella delle tumbarelle, un dolce tipico della zona di Stintino… tutto da scoprire.

Ingredienti per il ripieno

  • 1 kg di ricotta
  • 150 grammi di zucchero
  • buccia di arancia grattugiata finemente
  • noci grattugiate

Ingredienti per la pasta

  • 800 grammi di semola
  • un pizzico di sale
  • un cucchiaio di zucchero
  • 90 grammi di strutto
  • acqua calda quanto basta

Procedimento

Per prima cosa preparate la pasta amalgamando tutti gli ingredienti fino a farla risultare vellutata e ben soda, farla riposare qualche minuto e nel frattempo preparare il ripieno avendo cura di amalgamare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo.

Tirare la sfoglia e con una formina ricavare dei dischi di circa 8cm di diametro mettere su un lato un po’ di ripieno, chiudere piegando la pasta formando una mezza luna facendo aderire bene i bordi.

Friggere in abbondante olio caldo, cuocere per circa un minuto asciugare l’olio con della carta assorbente disporre le Tumbarelle in un vassoio e cospargerle di zucchero a velo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.