OK DEL CAMPIDOGLIO ALLA DELIBERA SULLE OPERE PER IL GIUBILEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00

L’Aula Giulio Cesare ha approvato oggi la delibera sulle opere in vista dal Giubileo, licenziata dalla giunta capitolino lo scorso 11 agosto. Il voto dell’Assemblea capitolina consente così di sbloccare il mutuo da 50 milioni contratto con la Cassa depositi e prestiti grazie all’allentamento del Pattò di Stabilità concesso dal governo. “Con questo mutuo possiamo avere le risorse disponibili per finanziare un primo pacchetto di interventi per il Giubileo a carico dell’amministrazione comunale”, ha spiegato l’assessore capitolino al Bilancio Marco Causi, pur ritenendo che “questa prima tranche di interventi non arrivi ancora al minimo indispensabile: ci vorra’ qualcosa in piu’, non tantissimo, e stiamo trattando con il Governo per ottenerlo”.

Le cifre più importanti saranno destinate alla manutenzione urbana, per un totale di circa 30 milioni di euro: nel dettaglio, si prevedono tra l’altro 7,7 milioni per diversi tratti del Lungotevere; 4,6 per i luoghi di particolare pregio (1 milione solo per piazza della Repubblica), 1,2 per la stazione Ostiense e piazza di Porta San Paolo, 1,3 per per la creazione dei percorsi giubilari e 1,2 per i bagni pubblici. Inoltre, per i trasporti verranno spesi 12,2 milioni di euro: di cui 3,5 milioni per le linee A e B della metropolitana, 1,5 per i varchi di controllo dei bus turistici e 1,3 per il sistema di controlli sugli accessi.

Quasi 7 milioni andranno infine al dipartimento tutela ambientale per la cura delle aree verdi lungo i percorsi giubilari, delle ville storiche e l’acquisto di arredi urbani. Grazie ai tempi più rapidi per l’espletamento delle gare, concessi dal Governo con il provvedimento dello scorso 27 agosto, “all’inizio di ottobre potremmo avere i cantieri aperti”, ha affermato Causi, sottolineando che “secondo gli esperti, alcuni degli eventi specifici del Giubileo di elevata attrattività porteranno almeno 2-3 milioni di persone e quindi in quei giorni la popolazione della città raddoppierà”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.