Lavoro in bilico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:56

Se agli oltre 4 milioni di lavoratori per i qualI il 2020 si apre all'insegna dell'incertezza perché si ritrovano con il contratto scaduto si aggiungono anche gli altri contratti in scadenza entro dicembre dello stesso anno il numero sale a 6,5 milioni: quasi la metà di tutto il settore privato.

Relazioni industriali

Sono i dati estratti dall'Agi dal XXI rapporto sul mercato del lavoro del Cnel. In particolare al 31 dicembre 2019 scadono ben 73 Ccnl; altri 126 nel corso del nuovo anno. Situazione critica anche per il settore pubblico con 20 contratti collettivi scaduti. Il 31 dicembre 2019, infatti, scadranno i tre Ccnl riferiti al maggior numero di addetti del sistema di relazioni industriali italiano, e precisamente quello delle aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi (2,4 milioni), quello delle aziende metalmeccaniche (1,4) e quello della logistica (470.000). La percentuale dei lavoratori in attesa di rinnovo oscilla tra il 78% nel settore metalmeccanico e il 13%-15% nel chimico e nelle aziende di servizi. Uno dei dati più allarmanti che emergono dal XXI rapporto sul mercato del lavoro e la contrattazione collettiva è il numero dei low skilled, circa 11 milioni di lavoratori non hanno le competenze adeguate ai cambiamenti che hanno interessato i lavori negli ultimi anni. Di questi il 52% sono uomini concentrati nelle fasce d'età più avanzata.

Retribuzioni

Recentemente l'Archivio dei contratti è stato potenziato grazie da un accordo con l'Inps grazie al quale oggi è possibile conoscere il numero di lavoratori a cui si applica un singolo contratto. Quest'associazione permette di collegare i campi di applicazione dei contratti dei settori merceologici e produttivi, mettendo in comunicazione l'archivio del Cnel con i registri statistici dell'Istat sull'occupazione e sulle retribuzioni, nonché con le banche dati di Unioncamere. I codici dei contratti con cui il Cnel e Inps identificano l'accordo e il collegamento tra le banche dati è stato validato dalle organizzazioni firmatarie. Dalla prima tabella sintetica ottenuta collegando i codici Cnel e Inps che identifica i contratti del settore privato con i codici Ateco delle attività produttive, emerge per la prima volta in Italia il panorama sull'applicazione dei Ccnl ai lavoratori.  A

Contratti collettivi 

Attualmente, l'Archivio del Cnel è l'unico strumento per la misurazione dell'andamento della contrattazione e per contrastare i contratti pirata tutelando i livelli salariali.Per ogni contratto, evidenzia l'Agi, è possibile accedere a tutti gli accordi di rinnovo depositati dalle organizzazioni firmatarie a partire dal 1990 e, per alcuni, è possibile risalire fino agli Anni Cinquanta del secolo scorso. I contratti collettivi nazionali registrati al Cnel sono adottati da 1.711.875 imprese e in totale interessano 13.749.593 lavoratori. Guardando alla ripartizione per settori, ecco nel dettaglio i principali contratti in scadenza al 31 dicembre:- Ccnl del terziario della distribuzione e dei servizi (firmatari: Confcommercio; Filcams Cgil; Fisascat Cisl; Uiltucs) si applica a circa 2,4 milioni di lavoratori. – Ccnl per i dipendenti dalle aziende metalmeccaniche e della installazione di impianti (firmatari: Federmeccanica; Assistal; Confindustria; Fim Cisl; Cisl; Fiom Cgil; Cgil; Uilm Uil; Uil) riguarda 1,4 milioni di lavoratori. – Ccnl logistica, trasporto merci e spedizione (firmatari: Aite; Aiti; Assoespressi; Assologistica; Fedespedi; Fedit; Fisi; Trasportounito Fiap; Anita; Fai; Federtraslochi; Federlogistica; Fiap; Unitai; Conftrasporto; Cna Fita; Confartigianato trasporti; Casartigiani; Claai; Filt Cgil; Fit Cisl; Uiltrasporti Uil (sottoscrizione di Agci servizi; Federlavoro Confcooperative), è applicato a circa 470 mila lavoratori. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.