Il Senatore 5 Stelle Airola tenta il suicidio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:44

Tragedia sfiorata in casa Airola. Il senatore pentastellato Alberto sembra abbia tentato il suicidio qualche giorno fa nel suo appartamento alla periferia di Torino, nel quartiere Aurora. Lo scrive oggi il quotidiano La Stampa. Airola è attualmente ricoverato all'ospedale San Giovanni Bosco e da giovedì sera non sarebbe più in pericolo di vita. Ad avvertire i sanitari – salvandogli così la vita – era stata la sorella che vive in un paese poco distante, sempre in provincia di Torino. Nell'abitazione del senatore pentastellato sarebbero state trovate due lettere, una indirizzata alle forze dell'ordine, l'altra ai familiari.

Airola, 48 anni, noto per le sue battaglie No Tav, è al secondo mandato come senatore. L'ultimo post di Airola sul suo profilo Facebook il 14 agosto per il crollo del viadotto Morandi: “Sono scioccato da quello che è successo a Genova. Sono addolorato e angosciato per le vittime, i feriti e i loro cari”. L'anno scorso, nella notte tra il 3 e il 4 settembre 2017, Airola era stato aggredito e malmenato da un gruppo di spacciatori mentre stava rincasando a casa: in quella occasione aveva riportato la frattura della mandibola. I tre pusher erano poi stati arrestati dalla polizia e condannati per rapina e lesioni.

Il post M5S

“La notizia riportata dalla stampa questa mattina che riguarda Alberto Airola ci colpisce e ci addolora profondamente. Siamo vicini ad Alberto e ai suoi familiari, cui manifestiamo il massimo sostegno possibile e tutto il nostro affetto e vicinanza. In questo momento così delicato chiediamo agli organi di stampa e a tutti di dimostrare il dovuto rispetto evitando appostamenti in ospedale ed ogni altro atto possa disturbare la famiglia di Alberto”. Così in una nota il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.