IL CORRIERE SCEGLIE LA CONTINUITA’: FONTANA NUOVO DIRETTORE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:45

Luciano Fontana è il nuovo direttore del Corriere della Sera. La nomina, all’unanimità, è stata effettuata dal nuovo consiglio di amministrazione di Rcs Mediagroup che, alla sua seconda riunione, ha espresso il verdetto finale, concludendo così un lungo periodo tormentato dal toto-nomine. Anche oggi, mentre venivano diffuse le prime indiscrezioni sull’esito del cda, il socio di Rcs Diego Della Valle diffondeva una nota in cui precisava che “le prese di posizione che mi vengono attribuite (dalla stampa, ndr) in merito al Direttore del Corriere della Sera” sono “estranee al mio pensiero” sottolineando che “è il Consiglio di Amministrazione che ha il compito di scegliere il Direttore e non gli Azionisti”.

Sul tavolo del board erano due i nomi dei candidati che si contendevano lo scettro di via Solferino e alla fine il consiglio ha preferito intraprendere la strada della continuità. Fontana, indicato come candidato dal direttore uscente Ferruccio De Bortoli, sarà subito operativo e ha un “mandato totale e senza limiti di tempo” hanno fatto sapere alcuni consiglieri alla fine del Cda.

Nato a Frosinone l’11 gennaio 1959, Fontana vive a Milano, sposato e con due figli. Si è laureato in filosofia all’università La Sapienza di Roma. Dopo le prime esperienze di corrispondente da Frosinone per l’agenzia Ansa, entra all’Unità con un contratto di praticantato nel 1986 e vi rimane fino al 1997, seguendo la cronaca e gli esteri, poi come capo del servizio politico, fino al ruolo di caporedattore centrale. Il primo febbraio 1997 entra all’ufficio centrale del Corriere della Sera, diventando caporedattore centrale nel 2000, vicedirettore nel 2003 e condirettore nel 2009.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.