Il Cdm lo abolisce. Bussetti: “Non mi risulta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:08

Caos sul numero chiuso nelle Facoltà di Medicina. Infatti, al termine del Consiglio dei ministri di ieri, tra le norme del disegno relative al Bilancio di previsione dello Stato per il 2019, è stata annunciata l'abolizione del “numero chiuso nelle Facoltà di Medicina, permettendo così a tutti poter accedere agli studi”.  

Bussetti: “Non mi risulta”

A me personalmente non risulta questa notizia, che è stata pubblicata questa mattina”, ha smentito il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti ha risposto a Venezia ai giornalisti che gli chiedevano dell'abolizione del numero chiuso per la facoltà di Medicina, sottolineando che il governo sta “lavorando per allargare il numero degli ammessi: sarà un percorso graduale, ma si farà”. Successivamente, il ministro ha deciso di emettere una nota congiunta con il ministro della Salute, Grillo, nella quale affermano di aver chiesto, in sede di Consigliod ei ministri, “di aumentare sia gli accessi sia i contratti delle borse di studio per Medicina. E' un auspicio condiviso da tutte le forze di maggiornaza che il governo intende onorare”. 

La nota di Palazzo Chigi

Per cercare di far luce sulla situzione, palazzo Chigi ha emesso una nota che corregge quanto scritto nel comunicato del Cdm. “In merito al superamento del numero chiuso per l'accesso alla facoltà di Medicina, la presidenza del Consiglio precisa che si tratta di un obiettivo politico di medio periodo per il quale di avvierà un confronto tecnico con i ministeri competenti e la Conferenza dei Rettori delle università italiane, che potrà prevedere un percorso graduale di aumento dei posti disponibili, fino al superamento del numero chiuso“. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.