Obama: ‘No a uno stato di guerra permanente’

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:37

“Abbiamo reso molto più difficile compiere attacchi come quelli dell’11 settembre, ma la minaccia terroristica è ancora una realtà”, ha detto il presidente Obama parlando alla MacDill Air Force Base di Tampa, in Florida. “Gli Usa stanno spezzando la schiena all’Isis”.

 

Combattere il terrorismo

Per combattere il terrorismo, continua, “non servono torture come il waterboarding,né tenere aperta Guantanamo”, che “è una vergogna nazionale”.”La democrazia non può essere esportata con la guerra”,”non si dovrebbe operare in uno stato di guerra permanente”. L’America “è il Paese della speranza, non della paura”, vanno “aiutati i rifugiati in cerca di vita migliore”.

La libertà di religione

Parlando più in generale dell’islam, il portavoce Josh Earnest ha detto che la Casa Bianca non commenta la posizione della cancelliera tedesca Angela Merkel, che vorrebbe vietare il burqa, ma ha affermato che il governo difende in generale la libertà di religione e “il diritto costituzionale di ogni americano di pregare Dio nel modo che preferisce”. “Negli Usa ovviamente facciamo di tutto per proteggere i diritti costituzionali di ogni americano di pregare Dio nel modo che preferisce”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.