Muro anti migranti: bocciato il ricorso dem

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:38

Stop della giustizia americana al tentativo dei democratici di fermare temporaneamente l'uso dei fondi del dipartimento della Difesa per edificare il muro anti-migranti al confine con il Messico. 

La decisione

La decisione rappresenta una prima vittoria per Donald Trump in una partita, però, ancora tutta da giocare. Anche perché a emettere il provvedimento favorevole alla Casa Bianca è stato il giudice Trevor Mcfadden, nominato dallo stesso tycoon, il quale ha stabilito che i democratici della Camera non possono rivolgersi alla giustizia su questo tema.

Chi vince e chi perde

Per i democratici si tratta di uno schiaffo che conferma le difficoltà dell'opposizione nel cercare di fermare Trump. Il presidente, al contrario, forte di questa decisione, sarà ancora più determinato nell'andare avanti, fino alla realizzazione di quella che è una delle promesse elettorali fatta agli americani prima delle elezioni del 2016.

La motivazione

Secondo McFadden i democratici alla Camera non possono, in base a quanto previsto dalla Costituzione, sollevare obiezioni come quelle sui fondi per il muro e portarle in tribunale. A questo si aggiunge il fatto che la Corte non vuole entrare nello scontro fra il presidente e il Congresso. Il caso sottolinea inoltre l'appropriato ruolo della Giustizia nel risolvere le dispute fra due branche del governo federale. La decisione del tribunale non non implica tuttavia che il Congresso “non possa in nessun caso perseguire il potere esecutivo per tutelare i suoi poteri”, ha spiegato McFadden, mettendo in evidenza come la Camera abbia varie opzioni per sfidare le proposte del presidente.

Determinato

Trump spinge per il muro allo scopo di fermare il problema dell'mmigrazione illegale, che considera un'emergenza nazionale.Negli ultimi giorni ha alzato la posta in gioco, minacciando dazi su tutto il “Made in Messico” importato negli Stati Uniti. “Lo possono fare se vogliono”, ha twittato il numero uno della Casa Bianca durante la sua visita in Gran Bretagna

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.