Dl agosto, Conte: “Grazie alla collaborazione preziosa del Parlamento”

Il premier in conferenza stampa da Palazzo Chigi ha annunciato che è stata approvata la riforma del Csm

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:14

In una conferenza stampa dopo il via libera del Consiglio dei Ministri, il premier Conte ha parlato del decreto agosto, ricordando come le misure stanziate dal governo arrivino nel complesso a 100 miliardi di euro.

“Con il dl agosto sono state approvate “misure significative: ringrazio tutti i ministri, i capi delegazione e le forze di maggioranza per il proficuo confronto e lavoro svolto“, ha detto il premier Conte in conferenza stampa, annunciando che è stata approvata anche la riforma del Csm.

“Questo decreto è reso possibile anche dall’intervento e dalla collaborazione preziosa del Parlamento che ha approvato lo scostamento. Sono convinto che deputati e senatori potranno poi migliorare queste misure ancora di più”, ha aggiunto. Inoltre, il premier Conte ha annunciato che nel corso del Consiglio dei Ministri sono state concordate le nuove misure del dpcm che sarà in vigore dal 10 agosto al 7 settembre.

Per il mondo del lavoro, ha aggiunto il premier, è stato stanziato un intervento cospicuo da 12 miliardi. “Abbiamo anche anticipato la misura del cashback, già programmata con la legge di bilancio. Non l’abbiamo potuta realizzare per la pandemia, adesso la attiviamo dal 1 dicembre 2020. Abbiamo stanziato nuove risorse per potenziare questo strumento: vogliamo sostenere consumi e pagamenti elettronici, premiamo i cittadini che potranno recuperare una parte di quanto spendono e potranno usufruire di un bonus fino a 2 mila euro”.

Le misure per il Sud sono di “portata storica: conosciamo il deficit anche di infrastrutture del Sud, che è meno competitivo e noi vogliamo che il gap sia recuperato. Non dividiamo l’Italia in due e offriamo una aiuto per la ripresa per le aree più svantaggiate per la ripresa dell’Italia intera“.

Non vogliamo nuove restrizioni, anzi abbiamo previsto altre ripartenze ma tutto questo va fatto con intelligenza: non dobbiamo tornare indietro e vanificare gli sforzi. Capisco i giovani che hanno desiderio di movide ma bisogna muoversi in modo responsabile. In gioco c’è la salute dei vostri cari – ha aggiunto Conte -. Nel nuovo dpcm è prevista la ripartenza delle navi da crociera dal 15 agosto, la ripresa delle attività fieristiche con allestimenti che possono partire subito e le ferie vere e proprie dal 1 settembre”.

Nel nuovo dpcm anti Covid – ha detto Conte – c’è la “proroga delle misure precauzionali minime: obbligo di mascherine, distanziamento di un metro, divieto di assembramento, lavarsi le mani frequentemente. Non vogliamo nuove restrizioni, anzi abbiamo previsto la ripartenza delle navi da crociera e delle fiere”.

“Siamo in sostanziale stabilità della curva epidemiologica con lievi segnali di ripresa dei contagi. Stiamo facendo bene, anche meglio di altri Paesi. Siamo stati il primo paese occidentale colpito dal virus ma siamo usciti dalla crisi più acuta prima degli altri. Il tasso dell’Italia per contagi è tra i più bassi dell’Unione europea – ha spiegato ancora il premier -. Riceviamo attestati da tutto il mondo ma è merito di voi cittadini perché è col vostro comportamento responsabile che otteniamo risultati”.

Aumentiamo le pensioni agli invalidi civili al 100% a partire già dai 18 anni – ha aggiunto il presidente del Consiglio -, così come agli inabili, ai sordi e ai ciechi civili assoluti titolari di pensione. Si passa dai circa 285 euro attuali fino a 648 euro al mese per tredici mensilità”.

Con il decreto agosto “tuteliamo l’occupazione, sosteniamo i lavoratori, alleggeriamo le scadenze fiscali, aiutiamo le regioni, gli enti locali e il Sud: continuiamo a sostenere cittadini, imprese e lavoratori anche perché gli ultimi dati Istat certificano che la ripresa dei consumi a giugno c’è stata, sostenuta anche dalle misure perseguite fin qui dal governo”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.