L'Italia non ha un buon amministratore di condominio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

In una inchiesta sulla graduatoria europea di chi paga più tasse, la nota giornalista Milena Gabanelli ci pone in cima alla graduatoria dei tartassati insieme alla Francia: gli italiani con il 59,1% mentre i francesi con il 60,7%. Però i nostri cugini d'oltralpe hanno uno stato funzionante con servizi ineccepibili, ma almeno i servizi funzionano. Da noi, gli stessi lasciano molto a desiderare e non pochi di essi, oltre ai denari per il fisco, spesso si acquistano dai privati perché la loro inefficienza spesso è imbarazzante.

Vi ricordate quando si parlava della Svezia come il paese più tassato d’Europa, ma con servizi ineccepibili e generosi? Ebbene, gli svedesi sono solo a 49,1%, cioè dieci punti in meno di noi, mentre i servizi sono rimasti efficientissimi. Cosa è successo? È accaduto che pressoché tutti i governi, concludendo la loro fisiologica esistenza, ci hanno salutato con un carico maggiore di tasse, perché per guadagnare consenso hanno regalato ora a questo ora a quello i denari di tutti i contribuenti. E lo hanno fatto pur avendo un debito altissimo in costante crescita e anche in costanza di un sistema paese che perde competitività e conseguentemente fette di mercato internazionale: dunque minori entrate per l’erario pubblico.

Chiunque di voi sarebbe disposto a consentire al proprio amministratore di condominio di aumentare le spese condominiali, riducendo le pulizie, diminuendo il riscaldamento, riducendo le ore di servizio del portierato, di non provvedere più alle manutenzioni? Sono sicuro che l’amministratore che si comporta così, minimo viene licenziato in tronco. Con i governi secondo me i criteri di valutazione , non potrebbero che essere gli stessi, ma non è così. Ebbene, la politica, sarà banale, ha lo stesso identico compito di un amministratore di condominio; solo che in scala è molto più grande. A quando il trionfo della banalità?

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.