Il cardine dell'informazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Ho letto un'intervista di un giornalista che ha condotto già qualche talk show, e mi ha confermato quello di cui ero già convinto da molto tempo; solo che mai ho notato un appiattimento così vistoso alla forza politica che chiaramente gli ha offerto la opportunità di tornare a condurre una nuova trasmissione per “aiutare i telespettatori a farsi una opinione sui problemi sociali, economici, sui temi del costume”. Ha dichiarato che erano quarant’anni che non si raggiungevano risultati occupazionali come quelli appena ottenuti, che lo spread è basso, che la tav si sblocca e otterremo molti posti di lavoro, che andare al voto è un modo per avere i mercati a favore, giacché preferiscono la chiarezza anziché la confusione. Nel leggere questa intervista si comprende con immediatezza del perché paghiamo il canone per la tv pubblica, e perché la liberalizzazione è un grande traguardo per la libera informazione, e per il diritto del cittadino ad una corretta ed equilibrata informazione. Se a decidere della informazione è la politica, che invece ha bisogno di una informazione non addomesticata per controbilanciare il suo potere tendente allo strapotere, le cose non vanno secondo i principi dei Paesi liberi ed evoluti. Credo che chi parla e riparla di cambiamento, se è sincero, dovrebbe cominciare a dare un vero segno ad uno dei cardini più importanti della libera informazione: liberalizzandola.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.