Buone notizie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:00

Grandi soddisfazioni per la nomina di Marta Cartabia alla presidenza della Corte Costituzionale, per la forte ragione di essere una donna. Infatti nella lunghissima vita della importantissima istituzione che giudica e sorveglia sulla buona interpretazione ed applicazione della Costituzione repubblicana, è la prima volta che una appartenente al gentil sesso la presiede. Dunque nel lungo cammino della reale parità dei generi, senz’altro è un’altro significativo traguardo che possiamo annoverare tra quegli accadimenti che lasciano il segno sui traguardi di civiltà della nostra comunità nazionale. Ma accanto a questi indubbi benefici segni, ce ne sono altri altrettanto confortanti riguardanti le qualità professionali che la neo presidente metterà a disposizione nel delicatissimo ruolo che ricoprirà: la conoscenza dei diversi ordinamenti degli altri paesi europei ed extra europei grazie alle diverse ricerche comparative condotte. Questo indica che potrà garantire una visione delle cose che ci riguardano, ben aldilà dell’imbarazzante incapacità della nostra classe dirigente di guardare oltre i confini nazionali; retaggio non certo edificante per una Nazione produttrice di primo piano nel mercato globale, e dalla antica cultura cultura europeista, messa in discussione da coloro che perseguono una incomprensibile e penalizzate cosiddetta politica sovranista. Quindi, notizie buone.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.