LA VOCE DEGLI ULTIMI

Giornata internazionale degli studenti: a Operation Smile il volontariato giovane

Unione di studio e volontariato per Operation Smile. Nell’odierna Giornata internazionale degli studenti, la Fondazione ETS accende i riflettori sull’importanza dei giovani nelle attività di volontariato. Focalizzando il loro contributo nelle iniziative a favore di chi ha più bisogno. Dal 1982 l’organizzazione globale cura e assiste bambini nati con malformazioni cranio-maxillofacciali. Al centro c’è un binomio solidale:  condivisione e impegno . “Abbiamo sempre creduto nell’importanza delle nuove generazioni- spiegano i volontari-. Uno dei nostri progetti internazionali di maggiore successo è infatti lo Student Programs. Un’iniziativa che coinvolge circa 18mila giovani in tutto il mondo.

Testimonianze Smile

Cristina Chiavari è la coordinatrice dello Student Programs della Fondazione Operation Smile Italia ETS. E Ludovica F. è una studentessa e volontaria. La giovane è reduce tra l’altro dall’International Student Leadership Conference. Si tratta della conferenza internazionale degli studenti che Operation Smile organizza ogni anno. Lo Student Programs di Operation Smile è il fiore all’occhiello dell’ente non profit. Una realtà del terzo settore che garantisce cure ai bambini nati con malformazioni del volto. Coinvolge appunto migliaia di giovani volontari in tutto il mondo. E rappresenta un vero e proprio movimento globale. Dove migliaia di studenti si dedicano a chi ha più bisogno. “Sono alfieri di entusiasmo. Per il presente su cui investire e il cambiamento in cui credere”, evidenziano i promotori dell’iniziativa. In occasione della Giornata Internazionale degli Studenti (17 novembre) la Operation Smile Italia ribadisce la centralità delle nuove generazioni. Valorizzando la loro partecipazione alle iniziative e alle attività di cura di chi ha più bisogno. E la Fondazione ETS supporta appunto la mobilitazione solidale dell’organizzazione internazionale di cui fa parte.

Valore dei giovani

Il valore degli studenti è sempre stato, fin dall’inizio, un aspetto determinante del lavoro di Operation Smile. L’organizzazione globale è attiva nei Paesi a basso e medio reddito. Migliaia di ragazze e ragazzi dedicano le loro forze ed il loro impegno per trasmettere i valori della realtà benefica. Racconta Cristina Chiavari:”A lasciare un segno indelebile è la gioia che i ragazzi provano. Si rendono conto che il loro attivarsi porta un aiuto concreto a chi ha bisogno. Ciò innesca una reazione a catena. E li rende più sensibili rispetto alle tematiche legate al sociale”. Aggiunge la coordinatrice dello Student Programs: “Il nostro compito è quello di educarli a concentrare le loro energie. Coltivando le loro passioni nel prendersi cura di chi ha bisogno. Favorendo la loro crescita personale. Anche attraverso momenti di confronto con i coetanei di altri Paesi“. All’International Student Leadership Conference ogni anno si incontrano centinaia di studenti liceali. Sviluppano le proprie capacità di leadership. Condividono esperienze. E si sentono chiamati e coinvolti nell’impegno di dedicarsi al prossimo”.

Testimonianze

Tra le tante voci di studenti impegnati nel volontariato c’è, quindi, quella di Ludovica F.. 16 anni. Studentessa e volontaria della Fondazione Operation Smile Italia ETS. “Fare volontariato è un’esperienza carica di significati- sottolinea la giovane-. Aiuta moltissimo nel percorso di crescita personale. Da adolescente ci si rende conto di stare al mondo. E s’impara a confrontarsi con quei problemi che sono al di fuori della propria piccola realtà. L’esperienza più intensa fatta finora è sicuramente quella della scorsa estate a Miami. All’International Student Leadership Conference. Cioè la conferenza annuale degli studenti che Operation Smile organizza ogni anno. E che riunisce partecipanti da numerosi paesi”. 

Formazione

La condivisione con gli studenti di altri Paesi rappresenta un momento altamente formativo. Un’opportunità unica perché aiuta molto a migliorare la capacità di confrontarsi con gli altri. “In quel momento – conclude Ludovica – ci si rende davvero conto del grande potenziale che abbiamo tutti insieme. Unendo le nostre forze. Per un obiettivo comune. E durante l’anno continuiamo a scambiarci idee e consigli grazie alla rete I-Smile. Una piattaforma che ci consente di rimanere in contatto anche se siamo in diverse parti del mondo”.

Giacomo Galeazzi

Recent Posts

Medicina, stop (parziale) al numero chiuso: scatta la protesta

Un semestre di iscrizioni libere alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria,…

24 Aprile 2024

Ponte del 25 Aprile: traffico da bollino rosso

In vista del ponte del 25 Aprile, la circolazione sulle strade italiane, si prospetta da…

24 Aprile 2024

Smolensk: attaccati due depositi petroliferi russi

A Smolensk, i servizi speciali ucraini, hanno colpito due depositi petroliferi dove erano stoccati 26…

24 Aprile 2024

Card. Pizzaballa: “Ineluttabile la soluzione dei Due Stati”

Il patriarca latino di Gerusalemme, card. Pierbattista Pizzaballa, ha descritto la situazione in Terra Santa…

24 Aprile 2024

In aumento gli attacchi di hacker filorussi all’Italia

  Italia sotto attacco degli hacker filorussi e, in un caso, filopalestinesi. Lo si evince…

24 Aprile 2024

Atene si tinge di arancione: i motivi

Un'Atene insolitamente arancione ha accolto turisti e cittadini presi alla sprovvista. La capitale greca e…

24 Aprile 2024