LA VOCE DEGLI ULTIMI

Pilagatti (Sappe): “Sovraffollamento delle carceri polveriera pronta a esplodere”

Nel Carcere di Taranto, il più sovraffollato d’Italia, continuano i ritrovamenti di telefonini e le risse tra i detenuti. “Qualche giorno fa – racconta a Interris.it Federico Pilagatti, segretario Nazionale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (SAPPE) – sono stati ritrovati nei locali docce nel reparto di alta sicurezza, ben occultati, sei telefonini con relativi cavetti di ricarica”.

L’appello di Pilagatti del Sappe

“Il ritrovamento è stato possibile solo grazie alla sagacia e alla professionalità dei poliziotti penitenziari di turno i quali, nonostante siano costretti a lavorare sotto organico e spesso in balia di detenuti violenti o con gravi problematiche psichiatriche, non hanno lesinato l’impegno dimostrando così grande attaccamento ad un lavoro di certo non facile”.

“Nello specifico – spiega Pilagatti – i telefonini erano nascosti dietro una lastra in acciaio che li bloccava al muro. L’agente di turno ha notato strani movimenti tra i detenuti ed ha avvertito i superiori. Questi, hanno disposto una perquisizione straordinaria scoprendo così i cellulari”.

“E’ sempre molto difficile controllare ciò che di proibito entra in carcere, sia a causa delle nuove tecniche come l’utilizzo dei droni per portare oggetti – a Taranto ne sono stati bloccati due che trasportavano telefonini e piccoli panetti di droga – sia a causa della carenza di organico”.

I telefonini ritrovati nel carcere di Taranto

“‘E’ davvero importante aver sequestrato i telefonini: i cellulari sono gli strumenti che permettono ai boss di comunicare con i propri sottoposti che stanno all’esterno del carcere. Sia per porre in essere azioni delittuose, sia per il controllo del territorio”.

“Come Sappe, da anni chiediamo apparecchiature per schermare il carcere e per rendere inutilizzabili sia i telefonini sia i droni. La criminalità organizzata, infatti, si serve per i propri scopi delle apparecchiature più moderne e costose, mentre noi siamo rimasti all’800, con le chiavi di ferro per aprire e chiudere i cancelli”.

“Nello stesso giorno del ritrovamento dei cellulari, i pochi agenti presenti sono riusciti, con coraggio e professionalità, anche a sedare una risa che poteva finire in tragedia perché era una resa dei conti tra detenuti tarantini. Fortunatamente tutto si è risolto solo con alcuni feriti lievi, poi medicati nell’infermeria del carcere. Ma all’interno del penitenziario tra i vari gruppi di detenuti il clima si è fatto molto teso. Per questo è possibile che succeda qualcosa anche in futuro”.

“Purtroppo questi bollettini di guerra vengono denunciati dal SAPPE, il sindacato autonomo polizia penitenziaria, quasi quotidianamente e rappresentano solo la sommatoria dei tanti problemi quotidiani dovuti principalmente al grave sovraffollamento dei detenuti. All’interno dell’istituto penitenziario ci sono infatti oltre 800 persone recluse, a fronte di 350 posti regolamentari e un organico di meno di 300 poliziotti”.

“Per comprendere la gravità della situazione, basta leggere le cifre dell’amministrazione penitenziaria relativa al rapporto agenti /detenuti. In Italia, la media è di 0.66, vale a dire un agente ogni due detenuti circa. A Taranto si scende a 0.35; uno ogni tre. Questo significa che a Taranto sarebbero necessari almeno altri 240 poliziotti per poter gestire il carcere in maniera sicura per tutti: agenti, detenuti e territorio”.

“Se le Istituzioni regionali e nazionali non interverranno con misure celeri ed adeguate, c’è il concreto pericolo che questa ‘polveriera’ esploda con effetti disastrosi anche per la popolazione civile. Come avvenne due anni fa a Foggia dove, durante i disordini esplosi all’interno del carcere, evasero decine di detenuti. E’ dunque necessario scongiurare – l’appello finale del responsabile nazionale SAPPE – un Foggia Bis per Taranto quanto prima”.

Milena Castigli

Recent Posts

Balbina, la santa che ritrovò le catene con cui era legato San Pietro

Santa Balbina, vergine e martire Roma, ? - Roma, 130 ca. Incerte le notizie sulla…

31 Marzo 2023

“In quel luogo molti credettero in lui” Il commento di mons. Angelo Spina

Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 10,31-42 In quel tempo, i Giudei raccolsero delle pietre per…

31 Marzo 2023

Italia-Africa, la cooperazione come ecosistema per lo sviluppo economico e sociale

La cooperazione come strumento di progresso economico e sociale. Oltre trenta imprenditori e manager italiani,…

31 Marzo 2023

Sfide per la salute globale. Ecco la frontiera della pandemia

La pandemia cambia scenario. "Lo sviluppo di un’immunità ibrida (vaccinazione più infezione), presenta una serie…

31 Marzo 2023

Cosa ha causato la fuga dei cittadini dalle urne

E’ molto diffusa l’idea che se il sistema politico nel paese è sottosopra, difficilmente l’economia…

31 Marzo 2023

Nicitra (Aias): “I nostri 69 anni al fianco delle persone con disabilità”

Dagli albori dell’Italia repubblicana ai giorni nostri, i genitori caregiver e le associazioni di tutela…

31 Marzo 2023

This website uses cookies.

Read More