DOMENICA 14 APRILE 2019, 18:45, IN TERRIS


ECONOMIA

Tria chiude alla patrimoniale e a manovre-bis

Il ministro dell'Economia a "1/2h in più" parla anche di flat tax: "Va bene ma serve una riforma progressiva"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Giovanni Tria
Giovanni Tria
N

on chiude ma resta comunque guardingo sugli effetti della flat tax Giovanni Tria: il ministro dell'Economia, intervenuto a "1/2h in più" di Lucia Annunziata, su Rai Tre. Un provvedimento, quello fortemente voluto all'interno del Def (pur se presente non in massima parte), che per il capo del Mef "concettualmente va bene" ma che pone il problema di "agire attraverso una riforma progressiva". Sul suo essere favorevole alla flat tax il ministro ritorna spiegando che prima di arrivare al Ministero, ne aveva scritto a favore, sottolineando comunque la necessità che si mantenga "quella progressività che è anche nel dettato costituzionale". Di sicuro, ha spiegato, "con questo Def abbiamo voluto dare il messaggio di stabilità, nel senso che intanto il quadro macroeconomico che abbiamo presentato è completamente condiviso con tutte le istituzioni".


Manovra correttiva e crescita stimata

Per quanto riguarda il rischio di patrimoniale, Tria ha affermato che, ora come ora, non sussiste: "Io personalmente e concettualmente sono molto contrario. In Italia colpirebbe tutto il patrimonio immobiliare, colpirebbe al cuore i risparmi italiani e avrebbe un impatto distruttivo su crescita e consumi". Non solo, per il ministro il "solo parlarne crea una tale incertezza che fa un danno forte all'economia". Concetto non secondario in quanto "di tutto abbiamo bisogno in questo momento tranne che di creare allarme". Per quanto riguarda possibili manovre correttive, Tria chiude come già fatto qualche giorno fa da Giuseppe Conte: "Nell'anno in corso, come sempre abbiamo detto, non ci saranno". Sulla crescita si attiene ai numeri, considerando anche le stime incrociate di Bankitalia e del Fondo monteario internazionale arrivate nelle ultime settimane: "Per quest'anno stimiamo una crescita dello 0,2%, ma consideriamo che questo implica una crescita sostenuta già nel secondo semestre di quest'anno, altrimenti non si può raggiungere questo livello".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore