Glocal News

Salute mentale: il progetto Here4u di Unicef

Sono stati pubblicati i primi dati UNICEF del servizio “HERE4U: Salute Mentale Digitale e Supporto Psicosociale a Distanza per Giovani Persone Rifugiate e Migranti”. UNICEF ha lanciato Here4U, un servizio digitale a distanza di supporto per la salute mentale e il supporto psicosociale, nel 2020.

Salute mentale: il progetto Here4u di Unicef

In occasione della Giornata Mondiale della Salute (7 aprile) l’UNICEF lancia i primi risultati del servizio “HERE4U: Salute Mentale Digitale e Supporto Psicosociale a Distanza per Giovani Persone Rifugiate e Migranti”: attraverso il servizio sono state oltre 2.000 giovani persone rifugiate e migranti raggiunte in Italia con sostegno personalizzato, anonimo e gratuito. I giovani tra i 19 e i 24 anni rappresentano la fascia più numerosa con 505 casi, seguiti da quelli tra i 16 e i 18 anni con 324 casi. Le esigenze sono varie e includono principalmente supporto legale (oltre 1700 casi), psicosociale e di salute mentale (oltre 300) e orientamento al lavoro (oltre 200 casi).

I dati del servizio Here4U

Il rapporto presenta i dati raccolti attraverso il servizio Here4U e i casi affrontati a seguito delle richieste di supporto da parte di adolescenti e giovani migranti e rifugiati/e. I ragazzi e le ragazze migranti e rifugiati/e sono spesso esposti a violenza – anche di genere -, abusi, sfruttamento e tratta di esseri umani lungo tutto il loro percorso e possono trovarsi in condizioni di aumentata vulnerabilità, durante il viaggio e all’arrivo nel nostro Paese, con un impatto potenzialmente negativo sul loro benessere, sulla salute fisica, emotiva, mentale, sulle relazioni. Per questo l’accesso al supporto psicosociale è fondamentale: per aiutare a gestire i vissuti legati a queste esperienze e valorizzare gli aspetti di resilienza di cui sono portatori e portatrici.

Progetto HERE4U. Foto: Unicef

Per affrontare questa situazione, nel 2020 l’UNICEF ha lanciato Here4U, un servizio digitale a distanza di supporto per la salute mentale e il supporto psicosociale, integrato nella piattaforma U-Report On The Move. Il servizio è sviluppato in collaborazione con i partner ARCI e Approdi e prevede anche l’erogazione di informazioni legali sui diritti e doveri e il sistema di accoglienza.

Il rapporto presentato dall’UNICEF evidenzia i principali punti del progetto Here4U: la composizione multidisciplinare della sua équipe, la mediazione culturale e linguistica, l’attivazione tempestiva dei servizi territoriali, l’accesso a informazioni di supporto e l’accompagnamento mirato a far emergere le risorse individuali di ciascuna persona seguita e della rete di prossimità. Una componente importante del servizio riguarda la produzione di materiale di sensibilizzazione sulle tematiche relative al benessere e alla salute mentale, prodotte in un linguaggio più vicino ai giovani, alle appartenenze culturali e alle dinamiche di genere.

Il rapporto mostra come la strategia digitale di supporto alla salute mentale e al benessere psicosociale, che comprende sia la sensibilizzazione che l’erogazione dei servizi, richieda un approccio dinamico e continui aggiustamenti e modifiche per rispondere efficacemente alle esigenze in evoluzione degli adolescenti e dei giovani migranti e rifugiati. Ciò comporta una valutazione continua dei loro desideri, interessi, valori, visioni e sfide e un’analisi delle variabili esterne, come i fattori politici e sociali che circondano le loro vite.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

San Vladimiro il Grande, ecco perchè viene chiamato “Isoapostolo”

San Vladimiro il Grande, Kiev (Ucraina), 966 ca. - Kiev, 15/07/1015 E' il figlio illegittimo…

15 Luglio 2024

Il primato della grazia nel Magistero pontificio

L'attenzione spirituale nasce dal primato della grazia. L’evangelizzazione per il Papa non ha nulla a…

15 Luglio 2024

Senza welfare non c’è politica sociale europea. La tutela necessaria

Tutela europea per i diritti sociali. Non c'è giustizia senza equità. In senso lato per…

15 Luglio 2024

Disturbo Arfid: natura, cause e soggetti coinvolti

Il rifiuto dei bambini verso alcuni cibi, oggi un fenomeno in crescita nei Paesi occidentali…

15 Luglio 2024

La ferita della democrazia difficile da rimarginare

L’orecchio ferito di Donald Trump – a un centimetro appena dalla morte e dalla seconda…

15 Luglio 2024

L’impegno per rendere il web accessibile

L'accessibilità web è un tema cruciale che va oltre l'uso dei tradizionali screen reader, includendo…

15 Luglio 2024