Chiesa Cattolica

Il Papa ai francescani per l’ottavo centenario delle stimmate

“Il cristiano è chiamato a rivolgersi in modo speciale agli ‘stimmatizzati’ che incontra”. Papa Francesco ha ricevuto in udienza la Comunità dei Frati Minori de La Verna e della provincia toscana, in occasione dell’ottavo centenario delle stimmate di San Francesco d’Assisi, avvenute il 14 settembre 1224.

Il Papa ai francescani per l’ottavo centenario delle stimmate

”Il cristiano è chiamato a rivolgersi in modo speciale agli ‘stimmatizzati’ che incontra: ai ‘segnati’ dalla vita, che portano le cicatrici di sofferenze e ingiustizie subite o di errori commessi”. Lo ha detto il Papa, ricevendo in udienza la Comunità dei Frati Minori de La Verna e della provincia toscana, in occasione dell’ottavo centenario delle stimmate di San Francesco (14 settembre 1224).

“E in questa missione il Santo della Verna è un compagno di cammino, che sostiene e aiuta a non lasciarsi schiacciare da difficoltà, paure e contraddizioni, proprie e altrui”, ha spiegato il Papa: “È ciò che Francesco ha fatto ogni giorno, dall’incontro con il lebbroso in poi, dimenticando sé stesso nel dono e nel servizio, arrivando perfino, negli ultimi anni, a ‘disappropriarsi’ in un certo senso di ciò a cui aveva dato inizio, aprendosi con coraggio e umiltà a vie nuove, docile al Signore e ai fratelli. Nella sua povertà di spirito e nel suo affidamento al Padre ha lasciato a tutti una testimonianza sempre attuale del Vangelo”.

Papa: “San Francesco uomo pacificato nel segno della croce”

“In Francesco, uomo pacificato nel segno della croce, con il quale benediceva i fratelli, le stimmate rappresentano il sigillo dell’essenziale”, ha proseguito, invitando i presenti a “tornare all’essenziale nei vari aspetti del vostro vissuto: nei percorsi formativi, nelle attività apostoliche e nella presenza in mezzo alla gente; ad essere perdonati portatori di perdono, guariti portatori di guarigione, lieti e semplici nella fraternità; con la forza dell’amore che sgorga dal costato di Cristo e che si alimenta nel vostro personale incontro con Lui, da rinnovare ogni giorno con un serafico ardore che bruci il cuore”.

“Sentitevi chiamati a portare nelle vostre comunità e fraternità, nella Chiesa e nel mondo, un po’ di quell’amore immenso che spinse Gesù a morire in croce per noi”, l’invito per quest’anno giubilare: “L’intimità con lui, come avvenne per Francesco, vi renda sempre più umili e uniti, gioiosi ed essenziali, amanti della croce e attenti ai poveri, testimoni di pace e profeti di speranza in questo nostro tempo che tanto fatica a riconoscere la presenza del Signore. Possiate essere sempre più segno e testimonianza, con la vostra vita consacrata, del Regno di Dio che vive e cresce in mezzo agli uomini”.

Fonte: AgenSIR

redazione

Recent Posts

Il King’s Speech di Carlo III inaugura il nuovo Parlamento

Il re del Regno Unito, Carlo III, ha presenziato a Westminster, assieme alla regina Camilla,…

17 Luglio 2024

Meloni da Tripoli: “I migranti illegali sono nemici di quelli legali”

Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha tenuto un intervento al Trans-Mediterranean Migration Forum a…

17 Luglio 2024

Papa: “Maria volto materno di Dio e rifugio sicuro”

In occasione dei 1500 anni di culto della venerata immagine di Santa Maria in Portico…

17 Luglio 2024

Iss: “Le regole per non disidratarsi in estate”

Il primo rapporto del neonato Centro Nazionale per la Sicurezza delle Acque (CeNSiA) dell'Istituto Superiore…

17 Luglio 2024

Istat: il tasso di occupazione dei laureati è in aumento

L’Istat ha rilevato che, il tasso di occupazione dei laureati, è più alto di undici…

17 Luglio 2024

Ecco il primo atlante 3D del cuore umano

Dall'organo intero fino alle singole cellule, valvole e vasi sanguigni, è stato ottenuto il primo…

17 Luglio 2024