Glocal News

Recuperate a Gaza le salme di 3 ostaggi: si pensava fossero vivi

La guerra in Medioriente tra Israele e Hamas giunge al giorno 231. L’Idf ha recuperato i corpi di 3 ostaggi israeliani a Jabalya, nel nord di Gaza. I tre furono uccisi il 7 ottobre e portati dentro la Striscia, secondo il portavoce militare. Intanto l’Unrwa avverte: “In Cisgiordania c’è un’altra guerra che passa inosservata. Le persone stanno sprofondando nella povertà”.

Recuperati i corpi di tre ostaggi israeliani nel nord di Gaza

L’Idf ha recuperato i corpi di 3 ostaggi israeliani: Orión Hernández Radoux , 30 anni, Hanan Yablonka , 42 anni, e Michel Nisenbaum, 59 anni. Sono stati tutti uccisi il 7 ottobre, secondo l’esercito. Fino a poco tempo fa non si avevano informazioni sul loro stato e si credeva quindi che fossero ancora vivi.

I corpi dei tre ostaggi sono stati recuperati nella zona di Mefalsim, secondo l’IDF, lo stesso luogo dove i terroristi di Hamas hanno ucciso e rapito altri quattro ostaggi i cui corpi sono stati ritrovati la settimana scorsa in un tunnel a Jabaliya.

Unrwa: “In Cisgiordania c’è un’altra guerra che passa inosservata”

“In Cisgiordania c’è un’altra guerra che sta passando inosservata”. Lo ha scritto su X il Commissario generale dell’Unrwa, Philippe Lazzarini, “Nel campo profughi settentrionale di Nour Shams il nostro personale mi ha parlato dell’impatto delle operazioni regolari delle forze israeliane sulla loro vita quotidiana. Quella che una volta era un’area vivace con mercati e vita, ora giace in rovina: case distrutte, strade demolite, infrastrutture di base come le reti idriche ed elettriche smantellate. Le persone stanno sprofondando nella povertà“, ha aggiunto.

Israele taglia i contatti fra Consolato di Spagna e palestinesi

Il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha deciso di interrompere i contatti tra la “missione spagnola in Israele e i palestinesi e di vietare al consolato spagnolo a Gerusalemme di fornire servizi ai palestinesi di Giudea e Samaria (Cisgiordania, ndr)”. La decisione è in risposta alle parole della vicepremier spagnola Yolanda Diaz, secondo cui la Palestina “dovrà essere libera dal fiume al mare”.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Lo zelo apostolico del beato Andrea Giacinto Longhin

Beato Andrea Giacinto Longhin, vescovo cappuccino, Fiumicello di Campodarsego (Padova), 23/11/1863-Treviso. Proviene da una povera…

26 Giugno 2024

Cardinale Tagle: “La missione della Chiesa è uscire”

"L’interesse per la Chiesa - afferma il cardinale Luis Antonio Gokim Tagle - si indebolisce…

26 Giugno 2024

Grassia:”Così l’Ia innova società e lavoro”

Ia 2024: l'intelligenza artificiale al centro del dibattito internazionale. Se ne sono recentemente occupati anche…

26 Giugno 2024

Musacchio: “Ogni anno individuate cento nuove droghe sintetiche”

L’offerta è sempre più ampia, in continuo aggiornamento, e le strategie di commercio e d…

26 Giugno 2024

Austria, che colpo

A Berlino è un concentrato di emozioni e gol. Il colpo lo piazza l’Austria che…

25 Giugno 2024

Caos in Kenya, assaltato il Parlamento

Da protesta pacifica a caos totale. La giornata si è infiammata presto in Kenya, dove…

25 Giugno 2024