Glocal News

I minori tra gli 8 e i 16 anni trascorrono tre ore al giorno online

Il ministero delle Imprese e del Made in Italy con l’Alta Scuola in Media, comunicazione e spettacolo dell’Università Cattolica ha fatto uno studio intitolato “Alfabetizzazione mediatica e digitale a tutela dei minori: comportamenti, opportunità e paure dei navigatori under 16”. I dati evidenziano le troppe ore passate su internet da bambini e ragazzi: uno su cinque oltre le quattro ore.

I minori tra gli 8 e i 16 anni trascorrono tre ore al giorno online

I minori tra gli 8 e i 16 anni trascorrono online da una a tre ore al giorno, uno su cinque oltre le quattro ore, utilizzando diversi strumenti, social network, messaggistica e piattaforme streaming.

A delineare questa fotografia è lo studio “Alfabetizzazione mediatica e digitale a tutela dei minori: comportamenti, opportunità e paure dei navigatori under 16”, promosso dal ministero delle Imprese e del Made in Italy con l’Alta Scuola in Media, comunicazione e spettacolo dell’Università Cattolica. Sono diverse le motivazioni che spingono i ragazzi a trascorrere tanto tempo in rete e lo studio ha individuato diversi profili.

I diversi profili in internet

Gli irrequieti (31%) online cercano stimoli forti ed emotivamente coinvolgenti. Incorrono con frequenza in esperienze negative, come esposizione a contenuti non adatti alla loro età e contatti con estranei. Ci sono poi gli esploratori (25% del campione), che vanno online mossi dalla voglia di divertirsi e di apprendere. I performativi (24% del campione) per cui il web è uno spazio dove provare emozioni, divertirsi e mettersi in scena. Sono consapevoli dei rischi della rete e adottano quindi una serie di misure di auto-tutela. Infine i ripiegati (20% del campione) si descrivono come arrabbiati, impauriti e insoddisfatti di sé.

I dati dello studio

La ricerca evidenzia che il 94% dei minori tra gli 8 e 16 anni utilizza uno smartphone. Sette ragazzi su dieci (la metà tra gli 8 e i 10 anni) usano regolarmente i social e le piattaforme streaming. Lo studio ha poi confermato le evidenze sui rischi della rete per i minori. Quattro intervistati su 10 raccontano esperienze negative.

“Gli ambienti digitali sono una risorsa fondamentale per le generazioni più giovani. – ha affermato Mariagrazia Fanchi, Direttrice dell’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo -. Sono mondi complessi, rispetto ai quali i nativo-digitali si trovano a dover maturare competenze d’uso, che si apprendono attraverso il confronto con i genitori, dal gruppo di pari, a scuola, e che richiedono anche lo sviluppo di politiche capaci di promuovere contenuti arricchenti e che mettano al riparo dai rischi”.

Fonte: Ansa

redazione

Recent Posts

Giornata Mondiale dei Bambini: Mimmo Paladino dona “La croce della Gioia”

E' alta oltre 4 metri "La croce della gioia", ossia la scultura che Mimmo Paladino…

21 Maggio 2024

Trecento medici di famiglia in visita da Papa Francesco

Il 25 maggio, Papa Francesco accoglierà oltre trecento medici della campagna "Thank you, doctor!", sostenuta…

21 Maggio 2024

Cresce la mortalità evitabile nelle città metropolitane: i dati Istat

Secondo un rapporto dell'Istat, nel 2021 i decessi evitabili nelle città metropolitane italiane sono stati…

21 Maggio 2024

Assemblea Cei, Zuppi: “Abbiamo bisogno di una legalità efficace”

Il presidente della Conferenza Episcopale Italiana, cardinal Matteo Zuppi, ha inaugurato i lavori della 79esima…

21 Maggio 2024

La salma del presidente Raisi è arrivata a Teheran

Decine di migliaia di iraniani si sono riuniti a Tabriz per dare l'ultimo addio al…

21 Maggio 2024

Il Consiglio Ue approva l’AI Act: ecco cosa prevede

Il Consiglio europeo ha dato il via libero all'AI Act, la legge europea sull'intelligenza artificiale…

21 Maggio 2024