Glocal News

Meter, rimosso materiale pedopornografico proveniente dal dark web

Don Fortunato Di Noto, fondatore dell’Associazione Meter, in un comunicato stampa fa sapere che, grazie alla segnalazione di alcuni utenti, è stato possibile indivuare e rimuovere dai loro server del materiale pedopornografico proveniente dal dark web. La squadra dell’associazione è al lavoro per terminare la rimozione dei file. 

Meter, rimosso materiale pedopornografico proveniente dal dark web

“Combatteremo duramente per rimuovere questo tipo di contenuto (pedopornografico) fuori dai nostri server. Abbiamo bloccato, su vostra segnalazione, il caricamento degli Ip Tor e disabilitato i caricamenti anonimi; ora gli utenti dovranno registrarsi prima di caricare i file. Abbiamo impiegato una intera giornata di lavoro per implementare e testare nuovi filtri e controlli aggiuntivi per aiutarci a contrastare tali contenuti. Il nostro team eliminerà nei giorni successivi i contenuti caricati da Tor Ip in passato”. Meter, dopo aver segnalato un’ingente quantità di materiale pedopornografico, ha ottenuto questo “significativo risultato”’ da parte di filedot.to, un provider di file hosting di proprietà di Fullcloud corp.

Il provider, infatti, ha provveduto alla rimozione e alle nuove modalità di registrazione per gli utenti; importante è la collaborazione, che da anni ha Meter con il responsabile del dominio di primo livello .to; quest’ultimo aveva intimato il provider, qualora non avessero rimosso il contenuto, la cancellazione del servizio di file hosting. “Il materiale pedopornografico che è stato rimosso, è certamente un grande risultato, che si aggiunge a tanti altri ottenuti nel contrasto alla pedofilia online – commenta don Di Noto, presidente di Meter – ma sarebbe una conquista l’individuazione degli artefici, delle vittime, dei responsabili dello sporco business che viola le vite di innocenti bambini”.

Continua don Di Noto: “La collaborazione con i responsabili dei domini nazionali e internazionali contribuisce ad un maggiore livello di contrasto. È necessario creare un’alleanza affinché questi drammi non quantificabili possano essere contrastati con determinazione ed efficacia e con i giusti strumenti che i server ci offrono, per il bene e la tutela dei minori”. Meter è presente, da 30 anni, con il servizio dell’Osmocop che si avvale di tecnici informatici per l’individuazione e la segnalazione del materiale pedopornografico in rete, e del Centro Ascolto che cerca di dare speranza ai piccoli vittime di abuso.

Fonte Agensir

redazione

Recent Posts

Sant’Apollinare: cosa significa il suo nome

Sant'Apollinare, vescovo e martire, patrono di Ravenna e dell'Emilia Romagna. E' originario di Antiochia. La…

20 Luglio 2024

Cure gratuite per i poveri in Uganda. Missione-Kasese

In missione in Uganda dalla parte degli ultimi. A causa della povertà e della conseguente…

20 Luglio 2024

Alzheimer: corsa contro il tempo per i nuovi farmaci

Alzheimer: corsa contro il tempo per individuare protocolli che consentano terapie, cure e prevenzione. La…

20 Luglio 2024

Quali sono le priorità del mandato di von der Leyen

Ursula von der Leyen è stata rieletta per un secondo mandato alla guida della Commissione…

20 Luglio 2024

Fra Emiliano: “Fermiamoci per valorizzare i nostri pensieri”

Ad Avezzano (Aq), a poco più di un'ora da Roma esiste un santuario dedicato alla…

20 Luglio 2024

Solitudine, uno dei problemi più diffusi nella terza età

La solitudine, nella Terza e Quarta età, è una delle problematiche più diffuse del nostro…

20 Luglio 2024