Primo piano

Lascia la parrocchia di Gaza, diciottenne muore di malore al confine con l’Egitto

Una storia di dolore quella della giovane Lara Sayegh, la 18enne cristiana morta per un colpo di sole proprio mentre coronova il suo sogno di lasciarsi la guerra alle spalle. Il suo corpo non potrà essere riportato nella parrocchia di Gaza né per i funerali né per la sepoltura perché tutti coloro che lasciano il Nord della Striscia, dove si trova appunto la parrocchia cattolica, non possono tornare indietro.

Lara muore per un colpo di sole

E’ morta al confine, proprio mentre stava lasciando le bombe di Gaza per cercare una nuova vita in Egitto. Lara Sayegh, 18 anni, cristiana, è morta per un colpo di sole proprio mentre coronava il suo sogno di lasciarsi la guerra alle spalle, di riprendere gli studi, di ricominciare la vita con una nuova speranza. Dal 7 ottobre viveva nella parrocchia cattolica della Sacra Famiglia, la loro casa era stata bombardata. Lara aveva perso il papà il 21 dicembre scorso per l’impossibilità di ricevere cure nella parrocchia cattolica dove sono rifugiate oltre seicento persone e che scarseggia di tutto. A dare la notizia della morte della giovane cristiana è il fratello, Khalil Sayegh, attivista palestinese, presidente di Agora Initiative: “Lei e mia madre stavano raggiungendo l’Egitto per mettersi in salvo. Il mio angelo è collassato mentre stava camminando sul ‘percorso sicuro’ oltre il checkpoint israeliano, in un’area dove le forze armate israeliane rifiutano da tempo l’ingresso ad ambulanze, automobili o altri servizi di emergenza. Mia madre, che l’accompagnava dalla chiesa cattolica a Rafah, è attualmente in coma a causa dello shock”. “Continuerò a lottare per la giustizia per la mia famiglia e per le altre vittime di questo genocidio”, scrive sui social Sayegh. La sorella Daddie Grace racconta: “Era felice di uscire da questa guerra dolorosa”. Le due donne, la figlia Lara con la mamma che è ora in coma, avevano pagato il visto per entrare in Egitto, 5mila dollari ciascuna. La giovane è morta praticamente a causa di un colpo di sole, senza la possibilità di ricevere soccorsi. Ora, secondo quanto riferiscono fonti della comunità cristiana, la giovane Lara sarà sepolta lì dove è morta. Il suo corpo non potrà essere riportato nella parrocchia di Gaza né per i funerali né per la sepoltura perché tutti coloro che lasciano il Nord della Striscia, dove si trova appunto la parrocchia cattolica, non possono tornare indietro. Dolore per la vicenda è stato espresso dal parroco della Sacra Famiglia, padre Gabriel Romanelli e dal viceparroco, padre Iusuf Asad.

Fonte Ansa

redazione

Recent Posts

“Vi guiderà a tutta la verità” Il commento di mons. Angelo Spina

Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 15,26-27; 16,12-15 https://www.youtube.com/watch?v=wYp4mRDAah8 In quel tempo, Gesù disse ai suoi…

19 Maggio 2024

San Urbano I, ecco cosa decise riguardo al sacramento della Cresima

San Urbano I, Papa e martire Roma, ?- Roma, 19/05/230. Nasce da una nobile famiglia…

19 Maggio 2024

Pentecoste: la “Pasqua delle Rose”

“Davanti agli occhi della nostra fede si apre il Cenacolo di Gerusalemme, dal quale è…

19 Maggio 2024

Sos Myanmar, cristiani sotto attacco

Allarme Myanmar. Bombardamenti aerei dell'esercito regolare birmano hanno colpito una chiesa cattolica e una chiesa…

19 Maggio 2024

“Più vita alla vita”. Staffetta Masci nelle regioni

Il Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani raccoglie l'appello papale per la difesa della vita. Mobilitazione…

19 Maggio 2024

La storia di Matteo Violani, da “angelo del fango” ad Alfiere della Repubblica

Matteo ha appena compiuto 18 anni. Il giorno del compleanno, tra i doni, riceve un…

19 Maggio 2024