Glocal News

Consegnato il Nobel per la fisica a Giorgio Parisi: “Spero sia utile a sottolineare l’importanza della scienza in Italia”

“Grazie a tutti di questa bellissima medaglia, spero che sia utile all’Italia per sottolineare l’importanza della scienza nel nostro Paese”. Un lungo applauso del pubblico ha accompagnato la consegna del premio Nobel per la fisica al professor Giorgio Parisi, nel corso della cerimonia che si è svolta nell’aula magna del rettorato dell’ateneo capitolino La Sapienza. Il riconoscimento, ricevuto dal fisico italiano lo scorso 5 ottobre per il suo contributo allo studio dei sistemi complessi, è stato consegnato a Parisi dall’ambasciatore di Svezia Jan Björklund.

La scoperta

Parisi ha vinto il premio insieme allo scienziato americano di origine giapponesi Syukuro Manabe e al tedesco Klaus Hasselmann. L’italiano per “la scoperta dell’interazione tra il disordine e le fluttuazioni nei sistemi fisici dal livello atomico alla scala planetaria”, mentre i due climatologi “la modellazione fisica del clima della Terra, che ne quantifica la variabilità e prevede in modo affidabile il riscaldamento globale”.

La dedica

“Vorrei dedicare il Nobel a Nicola Cabibbo, che mi ha trasmesso la conoscenza, ma anche l’amore per la scienza“, ha detto Parisi subito dopo avere ricevuto il premio. “Sono stato fortunato per avere studiato in un’università che, grazie a Edoardo Amaldi, ha selezionato qui persone di valore come Cabibbo”, ha aggiunto “Qui ho avuto tantissimi collaboratori, circa 230, ma naturalmente non potevano essere tutti qui. Ho avuto poi contatti con tanta gente con cui ho collaborato a distanza e con i quali, pur occupandoci di temi diversi, siamo andati tutti nella stessa direzione”, ha detto ancora il Nobel per la fisica.

Il ringraziamento

Parisi ha inoltre ringraziato la Fondazione Nobel “per la compagnia prestigiosissima con la quale sono stato premiato, con climatologi che hanno messo in guardia sui pericoli del cambiamento climatico”, ha detto riferendosi agli altri due vincitori, Syukuro Manabe e Klaus Hasselmann, con i quali divide il premio, del valore complessivo di circa un milione di euro. “Grazie a tutti per l’affetto dimostrato con questo calorosissimo applauso“, ha poi aggiunto rivolgendosi al pubblico che per alcuni minuti ha accompagnato, in piedi, la consegna della medaglia e del diploma con un applauso carico di entusiasmo.

Lorenzo Cipolla

Recent Posts

Sant’Apollinare: cosa significa il suo nome

Sant'Apollinare, vescovo e martire, patrono di Ravenna e dell'Emilia Romagna. E' originario di Antiochia. La…

20 Luglio 2024

Cure gratuite per i poveri in Uganda. Missione-Kasese

In missione in Uganda dalla parte degli ultimi. A causa della povertà e della conseguente…

20 Luglio 2024

Alzheimer: corsa contro il tempo per i nuovi farmaci

Alzheimer: corsa contro il tempo per individuare protocolli che consentano terapie, cure e prevenzione. La…

20 Luglio 2024

Quali sono le priorità del mandato di von der Leyen

Ursula von der Leyen è stata rieletta per un secondo mandato alla guida della Commissione…

20 Luglio 2024

Fra Emiliano: “Fermiamoci per valorizzare i nostri pensieri”

Ad Avezzano (Aq), a poco più di un'ora da Roma esiste un santuario dedicato alla…

20 Luglio 2024

Solitudine, uno dei problemi più diffusi nella terza età

La solitudine, nella Terza e Quarta età, è una delle problematiche più diffuse del nostro…

20 Luglio 2024