Le Caritas parrocchiali unite per la lotta alla povertà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:30
Pandemia

Si terrà sabato 16 giugno, all'Hotel Mattei dalle 9.30 alle 13.00, il convegno delle Caritas della diocesi di Ravenna-Cervia, unite per contrastare la povertà. “Date loro voi stessi da mangiare”: partendo da questa frase del vangelo di Marco, detta da Gesù durante il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci, si è sviluppato il percorso formativo per operatori della Caritas di quest'anno. 

“La caritas – si legge in un comunicato – inserisce questa attività di formazione-animazione nel pieno dei suoi compiti statutari come quello di animare le comunità a realizzare le caritas parrocchiali. È innegabile che l’azione in questione, di tipo pastorale per la chiesa locale, acquisti anche spessore sociale e assistenziale nel momento in cui la singola comunità comincia a diventare attrice concreta del territorio nel contrasto alla povertà e soprattutto autrice di significativi percorsi di inclusione. Quello che fino a qualche decennio fa poteva essere la normalità del 'vicinato' e delle relazioni di quartiere, ora è diventata emergenza sociale e relazionale che può spingersi a situazioni di abbandono particolarmente gravi”. 

L'obiettivo del convegno è quello di approfondire le radici cristiane del servizio al prossimo e di rendere consapevoli i volontari e gli operatori parrocchiali del loro ruolo di mediatori sociali concretizzando, nei singoli contesti, quel dovere di solidarietà sociale che già all'articolo 2 della nostra Costituzione viene indicato come primario e inderogabile. Le caritas parrocchiali attualmente operative nella diocesi di Ravenna-Cervia sono circa una ventina distribuite nei territori comunali di Ravenna, Cervia, Argenta (Ferrara) e Portomaggiore (Ferrara).
 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.