Un'ecografia mi ha cambiato la vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Da vicino appaiono come delle pennellate colorate che disegnano piccoli corpicini, ma se ci si allontana, il colpo d'occhio è impressionante. Si tratta dei dipinti realizzati dall'irlandese Laura Steerman, un tempo avvocata di successo, oggi artista per passione. Cinquantenne sorridente con tre figlie, la pittrice non dipinge soggetti usuali. Il suo modello di ispirazione sono, infatti, le ecografie

Maternità artistica

Tutto è iniziato 15 anni fa. Durante la sua gravidanza, l'avvocata irlandese si sentì ispirata dalle forme curiose, e altrettanto miracolose, che apparivano sullo schermo dell'ecografo. Un'immagine pullulante di vita, che sentì l'esigenza di mettere su tela per trasformare in quadri coloranti pieni di energia: e così, le pennellate rosse, blu, verdi delineavano la fecondità di una vita crescente. Un bel ricordo da portare con sé per tutta l'esistenza: “Ho pensato: non posso lasciare questa immagine e metterla in una cornice e sono stata davvero attratta dall’idea di darle un pò di colore, un pò di vita. È stato il mio amore per l’arte e l’artigianato che mi ha portato a trasformare in quadri le ecografie dei figli” ha dichiarato. Lasciare il lavoro non è stato facile. Steerman ha lavorato come consulente presso la Commission for regulation of Utilities del Paese e ha contribuito alla costruzione della legge sull'energia tuttora vigente. Ma col tempo i plichi legali dello studio di Dublino hanno lasciato il posto a tele e cavalletti: negli anni, la sua idea ha colpito molte mamme, che hanno cominciato a commissionarle quadri basati sulle loro personali ecografie. La scelta di appendere la toga al chiodo non è stata facile, ma alla fine la passione per l'arte ha avuto il sopravvento.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.