MERCOLEDÌ 20 FEBBRAIO 2019, 15:00, IN TERRIS

CINEMA

"Quello che veramente importa", il film che regala speranza

Opera del regista Paco Arango, è la prima pellicola interamente benefica: l'incasso sarà devoluto alla fondazione Dynamo Camp

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Alec, Abigail e Cecilia, i protagonisti del film
Alec, Abigail e Cecilia, i protagonisti del film
C

hi è che non si sia mai chiesto, almeno una volta nella vita, "che cosa è veramente importante"? Il bello di una domanda come questa è che le risposte, per quanto declinate in base al singolo individuo, finirebbero più o meno per essere le stesse. Famiglia, salute, stabilità economica, condizioni umane che accomunano un po' tutti. E' nel momento in cui nessuna di queste si manifesta, o tarda a manifestarsi, che inizia il vero confronto con se stessi, alla ricerca di qualcosa che ci sia sfuggito, di qualche tassello mancante, o semplicemente di una nuova opportunità. Più o meno quello che succede ad Alec, giovane inglese dalla vita dissoluta  che, per ritrovare qualche traccia di sé, dovrà emigrare in Canada, dove suo zio è pronto a ripagare i suoi debiti in cambio di un anno trascorso nella casa di famiglia, in Nuova Scozia. L'iniziale riluttanza alla vita tranquilla e spontanea della locale comunità rurale diventerà ben presto secondaria, quando Alec si ritroverà di fronte a un dono, quello di guarire le persone, che lui, lontano dalla fede, faticherà non poco a comprendere e, soprattutto, ad accettare. Questo finché non arriverà Abigail, un'adolescente affetta da un male incurabile...


Lo scopo

"Quello che veramente importa", particolare opera del regista messicano Paco Arango, è un film unico nel suo genere. E non per la trama o per lo stile fiabesco, che quasi sussurra allo spettatore. La pellicola è la prima in assoluto ad avere uno scopo unicamente benefico, con l'incasso da devolvere per intero all'associazione Dynamo Camp, fondata da Paul Newman (a cui è dedicato il film) e, più in generale, a sostegno dei bambini affetti da qualsiasi forma di disabilità o malattia. O meglio, a sostegno di tutto ciò che può essere fatto perché dei bambini ci si sentano davvero. E' l'aspetto che fa tutto e dice tutto. Non che vada a sminuire il lavoro che c'è dietro: la storia è godibile, gli attori sono di spessore (Oliver Jackson-Cohen nel ruolo del protagonista, affiancato da Camilla Luddington e Jonathan Pryce) e lo scopo di intrattenimento riesce alla perfezione, vista anche la trama coinvolgente e il messaggio di positività sempre più palpabile man mano che il film avanza. L'orbita attorno a cui tutto ruota si stacca necessariamente dalla trama, certo. Questa resta però fondamentale perché, tenendo viva l'attenzione dello spettatore, riesce a veicolare un contenuto difficile in modo semplice e d'impatto. Arango, d'altronde, non è nuovo a questo tipo di sfide, visto il suo forte impegno nel sociale, soprattutto nell'ambito dell'infanzia che lo ha portato a creare la fondazione Aladina e a vivere in prima persona il dramma dei bambini affetti da gravi malattie.


Il vero miracolo

A rendere appetibile il tutto sono inevitabilmente le intenzioni nobili, il che pone la pellicola già di per sé sul piano della bellezza. Il plot, poi, si snoda progressivamente, quando il protagonista si trova davanti al suo dono speciale che, nonostante qualche imprevisto, lo porterà in breve a essere un punto di riferimento per quella piccola comunità nella quale si è forzatamente inserito. Sul fiume principale della trama converge qualche affluente: il confronto con Dio, da lui escluso a priori in quanto non visibile; il suo quasi del tutto assente legame con la famiglia, specie dopo aver perso il fratello gemello Charlie, originariamente lui destinatario del dono. Una storia di oggi ma anche una fiaba, fatta per "ridere e per commuovere", come spiegato dallo stesso regista, lontana anni luce dalla logica dei blockbuster ma nemmeno una pellicola che mira a tutti i costi a veicolare qualche insegnamento. Il messaggio è "scritto" in un linguaggio talmente semplice da far apparire Alec non troppo diverso da ognuno di noi, nonostante il suo "essere speciale". L'uomo, con le sue fragilità e i suoi difetti, può essere davvero capace di fare miracoli, laddove affetto, sensibilità e amore spontaneo, come quello di un bambino, possono rendere il confronto con ciò che siamo un viaggio meno difficile. Anzi, un percorso di vita capace di "guarire" non solo se stessi ma anche chi ci è vicino.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SFRUTTAMENTO LAVORATIVO

Approvato il primo piano nazionale contro il caporalato

Dieci le azioni prioritarie del piano, tra cui anche assistenza, protezione e reinserimento socio-lavorativo delle vittime
In primo piano, la cosiddetta
ITALIA

Scampia, inizia la demolizione della Vela: "Non siamo solo Gomorra"

Il plauso del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: "Una nuova periferia è possibile"
UDIENZA PONTIFICIA

"Etica ecologica contro l'egolatria"

Papa Francesco traccia le prospettive dell'educazione cattolica nel terzo millennio globalizzato
Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi
POLITICA

Il piano di Renzi per l'Italia. Presto l'incontro con Conte

Il leader di Iv pensa a come rilanciare il Paese. Timore per una destabilizzazione del governo
Panetto di cocaina
OPERAZIONE ANTIDROGA

Roma: sequestrata cocaina per un valore di 35mila euro

Cinque arresti, il commento del capitano Passaquieti della Compagnia di Frascati
Il bacio dell'uomo disabile a Papa Francesco - Foto © Andrew Medichini per AP
GESTI DI MISERICORDIA

Quel bacio al Papa che ha commosso il mondo

Ieri in udienza il Pontefice ha ricevuto un "regalo" inaspettato
MEDIO ORIENTE

In soccorso del Libano sull'orlo della bancarotta

Beirut chiede aiuto al Fondo Monetario internazionale. La drammatica situazione economica e finanziaria del Paese con più...
Il cantiere navale di Taranto
TARANTO

Tangenti per appalti della Marina Militare: 12 arresti

Il totale degli importi relativi alle gare veniva equamente diviso fra gli indagati
Rifugiati siriani in un punto di raccolta degli approvvigionamenti - Foto © The New York Times
EMERGENZA UMANITARIA

In Siria i profughi stanno vivendo la fine del mondo

Da dicembre in 900mila hanno lasciato le case per i bombardamenti. Procedono i negoziati
SOLIDARIETÀ

Pet therapy per l'oncologia pediatrica

Sulla Collina degli Elfi, in provincia di Cuneo, gli animali regalano un sorriso ai bambini malati di tumore. Ora una raccolta...
Il luogo della deflagrazione
CATANIA

Bomba davanti a un distributore, morto il ladro

Il giovane, non identificato, era assieme a un complice che è fuggito
EMERGENZA RAZZISMO

"La strage xenofoba di Hanau nasce dall'ignoranza della storia e dall'odio"

Intervista a Interris.it del vescovo Enrico dal Covolo, Assessore del Pontificio Comitato di Scienze Storiche
Il luogo della strage
GERMANIA

Strage di Hanau: 11 morti. Il cordoglio della Merkel

Il killer è un estremista di destra, Tobias R: "Alcuni popoli vanno annientati". Uccisa anche la madre
La disinfezione delle strade
CORONAVIRUS

Cina: "Gli sforzi per il controllo dell'epidemia stanno funzionando"

Morti due passeggeri della Diamond Princess. Scoperta "l'untrice" della Corea del Sud
Prostituzione minorile
AUDIZIONE

Roma: 31 procedimenti per prostituzione minorile

La pm Monteleone: "In aumeno i reati di pedopornografia e molestie sessuali"
Sandra Sabatini
RIMINI

Il 14 giugno la beatificazione di Sandra Sabattini

Alla Fiera di Rimini per ospitare tutti i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII