LUNEDÌ 30 DICEMBRE 2019, 09:29, IN TERRIS

PALERMO

Uccide il nipote, la famiglia depista le indagini

Francesco Paolo Lombardino, carpentiere 47enne, è morto nella notte tra il 26 e il 27 dicembre

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il luogo dell'agguato e, nel riquadro, l'arrestato
Il luogo dell'agguato e, nel riquadro, l'arrestato
M

istero svelato, nonostante i tanti depistaggi dei familiari. Francesco Paolo Lombardino, il carpentiere di 47 anni ucciso nella notte tra il 26 e il 27 dicembre nel quartiere Cep di Palermo, è stato colpito a morte dallo zio per errore: il ‘fuoco amico’ non ha lasciato scampo al muratore, incensurato. Lo ha ricostruito la squadra mobile di Palermo che iei pomeriggio ha arrestato lo zio della vittima, G.L., di 61 anni.


Il depistaggio

Le indagini sono state brevi nonostante l'omertà familiare. Alcuni parenti di Francesco Paolo Lombardino "per non fare scoprire la verità" hanno infatti "messo su un vero e proprio depistaggio", racconta all'Adnkronos Rodolfo Ruperti, il dirigente della Squadra mobile di Palermo, che ha condotto l'inchiesta coordinata dalla Procura. Secondo la ricostruzione, nella notte tra il 26 e il 27 dicembre scorsi, G.L. avrebbe dovuto uccidere un'altra persona per questioni di droga, ma lungo la traiettoria si è trovato il nipote, vittima innocente. "I parenti interrogati non ci hanno voluto indicare neppure il luogo dell'agguato - spiega ancora il capo della Mobile - lo abbiamo dovuto scoprire noi da soli dopo più di sei ore". "C'era in atto un depistaggio che ci ha insospettiti. Da lì abbiamo capito il triste epilogo della vicenda. Volevano ammazzare una persona e ne hanno uccisa un'altra, un parente". Un parente, quello che ha portato la vittima in ospedale poi però deceduta, avrebbe raccontato agli inquirenti di avere raccolto il nipote in un luogo in cui non c'era neppure una macchia di sangue. "Ci hanno fatto perdere del tempo prezioso - dice Ruperti - alla fine siamo arrivati alla soluzione grazie a un lavoro davvero certosino e grazie alle telecamere, incrociando le testimonianze con attività tecniche". Intanto, lo zio omicida aveva già fatto perdere le proprie tracce. "Si era nascosto a casa di un amico - conclude Ruperti - aveva con sé una borsa perché aveva pensato di darsi con ogni probabilità alla macchia". Gli inquirenti sono riusciti a scovare il covo in cui si era nascosto "grazie alla complicità di alcuni parenti". Il pm che ha coordinato l'indagine lampo è Amelia Luise.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
UDIENZA PONTIFICIA

In preghiera per l'ecumenismo

Papa Francesco recita il Padre Nostro con i giovani sacerdoti e monaci delle Chiese ortodosse orientali
GIGANTI DELLA RETE

Web tax contro l'impunità fiscale

All’editoria mancano 3 miliardi. Da un convegno in Senato l'appello per portare la tassazione dei colossi di Internet...
GIORDANIA

Tragico incidente a Petra, muore turista italiano

La vittima, Alessandro Ghisoni, è stato ucciso dalla caduta accidentale di massi
Un migrante bengalese che vende selfie stick - Foto © Diego Cuopolo per IRIN
PALERMO

Violenza su bengalesi, arrestata banda di giovani

Aggressione con mazze da baseball. Ipotesi di raid punitivo a scopo razziale
SICUREZZA

Bonus seggiolini: via a contributo statale, ma il sito va in tilt

Il contributo statale dovrà essere speso entro un mese
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, 38enne ricoverato grave a Lodi. Contagiati altri due

A fini cautelativi è stato chiuso il Pronto Soccorso di Codogno. L'assessore Gallera: "Lieve miglioramento, ma in...
Plurilinguismo

La lingua madre e la sfida del plurilinguismo

Nella Giornata internazionale a tema, il punto sui percorsi di integrazione linguistica nella scuola. Bax: "La scuola...

Uno stipendio per la maternità

Sono molte le donne straniere che in seguito ad abusi e violenze rimangono incinte e, purtroppo molto spesso scelgono...

Quello che la politica non dice sulle banche

E'la globalizzazione, bellezza! Intesa San Paolo ha lanciato un'Opa definita amichevole – in...
BELPAESE

Istat: Italiani più soddisfatti al Nord

Aumenta la soddisfazione generale degli Italiani. Più contenti i giovanissimi
La nave Diamond Princess attraccata al porto di Yokohama - Foto © Kim Kyung-Hoon per Reuters
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il rientro degli italiani slitta a domani

Negativi i primi test effettuati sulla nave. Migliorano le condizioni dei coniugi allo Spallanzani
GRAN BRETAGNA

Londra, muezzin accoltellato in una moschea: fermato l'aggressore

L'aggressione all'interno della moschea di Regent's Park
CATANIA

Caso Gregoretti: chiesta udienza preliminare per Salvini

L'atto è stato depositato dalla Procura di Catania alla presidenza del Gip
SFRUTTAMENTO LAVORATIVO

Approvato il primo piano nazionale contro il caporalato

Dieci le azioni prioritarie del piano, tra cui anche assistenza, protezione e reinserimento socio-lavorativo delle vittime
In primo piano, la cosiddetta
ITALIA

Scampia, inizia la demolizione della Vela: "Non siamo solo Gomorra"

Il plauso del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: "Una nuova periferia è possibile"
UDIENZA PONTIFICIA

"Etica ecologica contro l'egolatria"

Papa Francesco traccia le prospettive dell'educazione cattolica nel terzo millennio globalizzato