Diciotto istituti scolastici aperti a Natale tra musica, arte e sport

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:29

Musica, pittura, arte, sport, teatro e lingue: torna nella capitale l'iniziativa natalizia “scuole aperte”. “Anche in questo periodo di festa pensiamo ai nostri studenti, con un occhio rivolto anche alle esigenze dei genitori”, spiega su facebook l'assessore alla Scuola Veronica Mammì. Sono 18 gli istituti comprensivi che hanno aderito al progetto 'Scuole Aperte' per il periodo natalizio”. 

Scuole aperte

“Queste scuole – informa – resteranno aperte nei giorni di sospensione dell'attività didattica, per offrire ai giovani studenti laboratori musicali, artistici e scientifici, pittura, teatro, corsi di lingue, sport e molto altro ancora, tutto in modo totalmente gratuito. Durante l'anno sono state quasi 70 le adesioni degli istituti a 'Scuole Aperte' tra vacanze estive, pasquali e natalizie. È un progetto finanziato da Roma Capitale che sostengo fortemente, soprattutto nella sua potenzialità di inclusione e integrazione per i giovani residenti nelle zone periferiche della città. La socializzazione è un processo essenziale nella crescita di ciascuno, apre alle relazioni, al confronto con il prossimo, al senso di comunità”. “Con 'Scuole Aperte' puntiamo così a valorizzare i nostri istituti come punti di riferimento per i giovani e sostenere le famiglie nei periodi di sospensione delle attività scolastiche, con l'offerta di attività gratuite incentrate sul percorso di crescita ed educazione dei più piccoli”, conclude l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Veronica Mammì. “Anche quest’anno proponiamo alle famiglie un percorso che si è rivelato efficace ed apprezzato innanzitutto dai piccoli studenti. Questo progetto rientra nell’obiettivo più ampio di elevare lo standard dell’offerta educativa e scolastica, mettendo al centro i bambini e i genitori”, commneta la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.