Trovato un clochard morto: si indaga per omicidio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:40

E' giallo a Palermo, dove un clochard è stato trovato morto sotto i porti di piazza Ungheria. La vittima si chiamava Aid Abdelah, un 58enne di origini francesi, e presentava una ferita alla testa. Il medico legale non ha potuto stabilire se si sia trattato di un omicidio o di una morte provocata da una caduta accidentale. 

Il caso

La Procura di Palermo ha avviato un'indagine per omicidio a carico di ignoti. L'apertura dell'inchiesta consente l'esecuzione dell'esame autoptico sul corpo dell'uomo che presenta tumefazioni e ferite alla testa. L'indagine è coordinata dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni, mentre il pm Daniele Sansone ha disposto l'autopsia. 

L'allarme è stato lanciato questa mattina da una giovane impiegata che lavora nella zona: ha riferito di aver visto il giaciglio messo a soqquadro e a terra un portafogli aperto. il clochard aveva un cellulare e non è chiaro se sia stato ritrovato o meno. Aid o Aldo, come tutti lo chiamavano nel quartiere, faceva il pittore e chi lo ha conosciuto lo ha descritto come un uomo colto

Orlando: “Imbarbarimento dei tempi”

“La tragica morte di Aid è un segno dell'imbarbarimento dei tempi; di una socità dove la violenza gratuita si accanisce sui più deboli e indifesi, sugli ultimi fra gli ultimi”, ha dichiarato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. “Aid chiamato Aldo aveva scelto di vivere a Palermo e aveva scelto di vivere in strada con grande dignità e con grande delicaetzza, come hanno raccontato tutti coloro che lo hanno conosciuto – ha aggiunto -. Anche per questo l'amministrazione comuncale ha avviato i contatti con le autorità francesi e sta verificando se proprio a Palermo si possa dare sepoltura a quello che era a tutti gli effetti un nostro concittadino”. 

 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.