Terzo giorno di allerta per inquinamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:48

Per il terzo giorno consecutivo, Santiago del Cile è rimasta sotto misure contro l'inquinamento atmosferico a causa degli alti livelli di contaminazione dell'aria. E' quanto ha comunicato l'amminastrazione della capitale cilena, citata dal portale Infobae. 

Le misure “pre-emergenza” ambientale 

Dopo che 11 stazioni di monitoraggio della città, che conta circa 7 milioni di abitanti, hanno segnalato che il livello di contaminazione dell'aria è salito tra 300 e 499 microgrammi di particelle nocive per metro cubo, Santiago è stata posto sotto “pre-emergenza ambientale” dallo scorso sabato. In un comunicato, viene ricordato che sarà vietato “l'uso di stufe e cucine a legna in tutta la regione metropolitana” ed è stato imposto il blocco di “1.281 fonti industriali fisse”. Inoltre, l'amministrazione di Santiago ha predisposto un blocco per circa il 205% della circolazione dei veicoli, ordinando un blocco di circa 300 mila auto e altri mezzi di trasporto.

La città di Santiago si sviluppa in una valle circondata dalle Ande e da alcune colline. Proprio per la sua posizione, il vento non riesce a pulire il cielo della capitale cilena. Quando non piove, come in questo mese considerato il più secco dal 1968, è facile che la quantità di polveri sottili nell'aria raggiunga livelli critici. Secondo quanto riferito dai media, la cattiva qualità dell'aria sarebbe responsabile indiretta di circa 3.700 morti all'anno in Cile

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.