Omicidio Sebastiano Greco, un fermato nel siracusano

Uno dei due presunti assassini di Sebastiano Greco, 52 anni ucciso a Lentini sabato scorso, è stato fermato oggi dai carabinieri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28
La vittima, Sebastiano Greco

Uno dei due presunti assassini di Sebastiano Greco, 52 anni ex gestore di una pompa di benzina, ucciso a Lentini sabato scorso, è stato fermato dai carabinieri che indagano sul delitto.

Gli investigatori sono risaliti all’uomo, che si chiama Shasa Antony Bosco, grazie allo scooter abbandonato durante la fuga e alle immagini delle telecamere di video sorveglianza della zona dell’attentato.

L’omicidio di Sebastiano Greco

Sebastiano Greco é stato ucciso poco dopo le 23:00 di sabato 10 ottobre con alcuni colpi di pistola in via delle Spighe, nel centro abitato di Lentini, i provincia di Siracusa. La vittima stava avendo una discussione con un altro uomo quando quest’ultimo improvvisamente ha estratto l’arma e ha fatto fuoco. Tre colpi di pistola hanno centrato l’addome del 52enne, morto in ospedale in seguito alle ferite riportate.

La fuga

L’aggressore, insieme ad un altro complice, è fuggito dopo aver rubato uno scooter vicino a un ufficio postale. Il mezzo è stato abbandonato poco dopo. I carabinieri avevano identificato quasi subito i due uomini che avevano avvicinato la vittima in via delle Spighe e che avevano fatto fuoco dopo una breve discussione.

Secondo gli inquirenti, a sparare contro l’ex gestore di una pompa di benzina sarebbe stato solo uno dei due, quello con cui la vittima avrebbe avuto uno screzio, probabilmente legato a questioni economiche.

Oggi, il fermo del presunto omicida. Il complice, per il momento, ha fatto perdere le proprie tracce ma la sua cattura potrebbe essere solo questione di ore: alla ricerche stanno partecipando anche gli agenti del commissariato di polizia di Lentini. L’inchiesta è coordinata dalla Procura di Siracusa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.