GIOVEDÌ 21 NOVEMBRE 2019, 15:29, IN TERRIS

MEDITERRANEO

Migranti, 73 persone salvate da Open Arms

A bordo della nave ong anche 24 minori non accompagnati. Altri 125 imbarcati su Ocean Viking

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Open Arms
Open Arms
E'

entrata nuovamente in azione la nave Open Arms che, alle prime luci dell'alba, ha soccorso un barcone in fase di affondamento sul quale erano imbarcate 73 persone, per la maggior parte uomini. A riferirlo è stata la stessa ong che, via Twitter, ha reso noto l'intervento effettuato, spiegando che a bordo si trovano ora "69 uomini, 4 donne, 2 bimbi di 4 e 3 anni e 24 minori che viaggiavano soli". Secondo quanto riportato dai volontari, molte persone imbarcate ora sulla nave dell'ong spagnola avrebbero riportato gravi casi di choc traumatico, oltre che "ustioni di secondo e terzo grado, ipotermia grave e disidratazione". Molti di loro, inoltre, avrebbero riportato ferite d'arma da fuoco, delle quali al momento non è chiara l'origine. I migranti sono stati medicati dai due medici volontari presenti sulla nave. Secondo le indicazioni fornite dall'equipaggio di Open Arms, il salvataggio sarebbe avvenuto al largo delle coste libiche, a circa 50 miglia in direzione nord da Az Zawiya.


In 125 su Ocean Viking

Il caso Open Arms va ad aggiungersi a quello di Ocean Viking, che nelle scorse ore ha effettuato un nuovo soccorso a un gommone in difficoltà, salvando 30 persone. Ora, a bordo della nave di Sos Mediterranée e Medici senza frontiere sono imbarcate 125 persone, stipate sul ponte e in attesa di conoscere la propria destinazione. Al momento, invece, non ci sono notizie relative all'allarme lanciato nella notte dal centralino Alarm Phone, il quale segnalava un naufragio in pieno Mediterraneo costato la vita ad almeno 67 persone. La presunta tragedia del mare era stata riferita da un pescatore che, poco prima, aveva telefonato all'osservatorio riferendo dell'affondamento. Nelle ore successive, tuttavia, non sono state date conferme. Il tutto mentre le unità di Guardia Costiera di Libia e Tunisia avrebbero effettuato alcune operazioni al largo delle proprie coste, intercettando e riportando indietro alcuni barconi, per un totale di circa 200 persone fatte tornare al punto di partenza.

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'eruzione sulla White Island in Nuova Zelanda
NUOVA ZELANDA

Eruzione sulla White Island, aperta un'inchiesta sulla morte dei turisti

La strage di turisti si è verificata a causa dell'eruzione del vulcano Whaakari
IL PUNTO

Il dibattito sulla legge di bilancio e Mes

Tempi stretti per l'approvazione della manovra. Domani voto sul fondo salva Stati
I leader al tavolo delle trattative
IL VERTICE

Zelenskij-Putin, prove di disgelo sul Donbass

I due leader si incontrano a Parigi: promesso il rilascio dei prigionieri e la smobilitazione entro marzo 2020
Un frame del video dell'opera di Banksy postato sui social
STREET ART

Il commovente murales natalizio di Banksy in un video virale

Al centro dell'opera i senzatetto soli durante le festività
Antonio Salieri e Wolfgang Amadeus Mozart (Foto di scena)
TEATRO

Amadeus, il dramma dell'uomo contro il genio

In scena al Teatro della Pergola di Firenze, dal 10 al 15 dicembre, l'opera di Peter Shaffer sotto la regia di Andrej...
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
POLITICA

Governo, una verifica dopo la Manovra

Il premier Conte dà l'ok a un confronto in maggioranza a gennaio: "Serve un cronoprogramma fino al 2023"
ANNIVERSARIO

40 anni dalla missione di solidarietà nel Sud est asiatico

Nel 1979 l'Italia soccorse un migliaio di profughi vietnamiti che vagavano per il mare con mezzi di fortuna in una drammatica...
LA GEOPOLITICA DELLA TECNOLOGIA

Washington-Pechino, guerra commerciale sui pc

La Cina ha ordinato la rimozione delle apparecchiature e dei software stranieri entro il 2022
Abitazioni e strutture lesionate
SISMA E RICOSTRUZIONE

Ecco perché la terra può tremare ancora

Il sismologo Saccorotti: "Il governo scelga se investire un euro nella prevenzione o spenderne sette nella...
I talebani hanno da sempre rifiutato i negoziati con il governo afghano, che reputano un sodale degli Stati Uniti - Foto © Sorin Furcoi per Al Jazeera
AFGHANISTAN

Perché i dieci soldati morti indeboliscono i negoziati di pace

L'attacco rivendicato dai talebani a due giorni dai colloqui di Doha
A LEZIONE DI UMANITÀ

Nelle 42 scuole Penny Wirton per imparare l’integrazione

Un docente per ogni alunno. Come funziona l’insegnamento gratuito della lingua italiana agli immigrati
Un momento di un corteo di contestazione a Macron in Francia - Foto © Reuters
SCIOPERO GENERALE

Le pensioni bloccano la Francia

Lunedì nero nel Paese. I francesi chiedono un welfare più equo