VENERDÌ 11 GENNAIO 2019, 09:58, IN TERRIS


SALVATAGGIO MIGRANTI CURDI

Il sindaco di Melissa: "Pagina di grande umanità"

La barca a vela si era incagliata a pochi metri dalla spiaggia, tra i naufraghi anche un neonato

MILENA CASTIGLI
Il neonato salvato e in basso il sindaco Gino Murgi
Il neonato salvato e in basso il sindaco Gino Murgi
"T

utti, qui, si sono prodigati al massimo. Sono orgoglioso di come abbia funzionato la macchina dei soccorsi e dell'accoglienza, con grande diligenza e professionalità". E' il commento del sindaco di Melissa, Gino Murgi, dinanzi al coraggio dei propri cittadini che ieri mattina hanno salvato in mare 51 migranti curdi.


Tragedia sfiorata

I migranti erano arrivati all'alba sulla costa crotonese, nella frazione Torre di Melissa. La barca sulla quale viaggiavano - tra loro c'erano anche sei donne, tre bambini ed un neonato - si era incagliata a pochi metri dalla costa dopo essere stata abbandonata dagli scafisti e si era rovesciata su un lato. Le grida disperate avevano svegliato alcuni residenti della zona che impavidamente si erano gettati in acqua per portare a riva quei disperati. Più difficoltoso il recupero del neonato: il bimbo di pochi mesi e la madre erano rimasti intrappolati nello scafo. In loro soccorso erano giunti i finanzieri della Sezione operativa navale di Crotone che avevano portato in salvo madre e figlio. Una volta messi in sicurezza, i migranti sono stati trasferiti nel Centro di accoglienza Sant'Anna di Isola Capo Rizzuto. I carabinieri della Compagnia di Cirò Marina avevano individuato poco dopo anche i presunti scafisti: due cittadini russi di 43 e 25 anni, bloccati in un albergo in cui erano andati a dormire mentre i loro "passeggeri" rischiavano di morire affogati. Uno degli occupanti risulta tuttora disperso.


Il racconto

"Faceva freddo e pioveva, la riva era vicina ma molti non sapevano nuotare - racconta il sindaco Murgi - Sono stato chiamato al telefono poco dopo le 4, sono arrivato lì e mi hanno colpito le grida disumane, in particolare delle donne che avevano paura per i loro bambini". "Mi hanno chiamato i proprietari del Villaggio Miramare dicendomi di correre subito, che una barca si era arenata e c’erano dieci persone, nude e bagnate sulla spiaggia. L’albergo è stato subito aperto, sono state accese le stufe". A questo punto è scattata la solidarietà degli abitanti della zona. "È stata un’esperienza bruttissima vedere tutta quella sofferenza, la disperazione, bambini di uno o due anni nell’acqua, le mamme e i papà che urlavano chiedendo aiuto. Ma allo stesso tempo è stata una pagina di grande umanità quella scritta dai miei concittadini, e da tutti i rappresentanti istituzionali”, ha concluso Murgi.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dorothea Wierer
COPPA DEL MONDO

Biathlon, trionfo per Dorothea Wierer

L'altoatesina conquista la Coppa generale, è la prima in assoluto per l'Italia. Lisa Vittozzi (2a) completa il...
La Viking Sky in balia delle onde
NORVEGIA

La Viking Sky attracca a Molde

Incubo finito: tutti in salvo i 1300 passeggeri, 460 evacuati con gli elicotteri
Xi Jinping
LA VISITA

Xi a Palermo, un'eredità reciproca

Il presidente cinese vola nel Principato di Monaco dopo una giornata intensa in Sicilia: "Aumenteranno i turisti...
Il piatto finito
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pennette panna e gamberetti: giocare facile a tavola

Bastano pochi ingredienti per realizzare un piatto da consumare da soli o in famiglia
Rafi Eitan
ISRAELE

Addio a Rafi Eitan, catturò Eichmann

La leggenda del Mossad si è spenta a 92 anni. Pose fine alla latitanza dell'ex SS
Italia-Finlandia 2-0. L'esultanza degli Azzurri dopo la rete di Barella
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

La giovane Italia parte forte: Barella-Kean, Finlandia k.o.

Gli Azzurri s'impongono 2-0 alla Dacia Arena. Qualcosa da sistemare ma la strada è giusta. Esordio per Zaniolo