Giovane italiano scomparso da due settimane

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:51

Farnesina al lavoro per reperire notizie di Luca Tacchetto, 30 anni, figlio dell'ex sindaco di Vigonza, nel padovano, scomparso in Burkina Faso il 15 dicembre scorso. Da quel giorno, infatti, di lui non si è più saputo nulla, se non che stesse viaggiando in auto (una vettura con targa italiana), insieme a un'amica di origine canadese, verso la capitale burkinabè, Ouagadougou. Secondo quanto riportato dai media, sembra che Luca stesse raggiungendo la città per recarsi a cena da una coppia di conoscenti che, non vedendoli arrivaere, hanno allertato le autorità. La famiglia del giovane italiano non ha al momento rilasciato dichiarazioni, mentre gli operatori del Ministero degli Esteri stanno effettuando indagini per cercare di ottenere ulteriori informazioni sulla scomparsa del giovane, resa nota solo oggi in Italia.

Il viaggio in Burkina Faso

Stando a quanto riportato, Luca Taccheto ed Edith Blais, la sua amica canadese di 34 anni, si erano recati in auto in Burkina Faso, da dove pare volessero raggiungere il Togo per recarsi da un conoscente del 30enne italiano, al quale avrebbe promesso aiuto nella realizzazione di un progetto umanitario. La coppia residente in Burkina Faso dalla quale si stavano recando a cena pare l'avessero conosciuta alla frontiera fra Mauritania e Mali. Al momento, le autorità italiane sono in contatto con l'ambasciata in Costa d'Avorio, poiché in Burkina Faso non ci sono strutture diplomatiche italiane. La famiglia ha rilasciato un'unica dichiarazione spiegando di star vivendo “giorni angosciati”.

Le ultime foto di Luca ed Edith risalgono proprio al 15 dicembre scorso, postate sul profilo Facebook proprio dalla giovane canadese, nelle quali entrambi appaiono sorridenti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.