MARTEDÌ 21 MAGGIO 2019, 16:45, IN TERRIS

IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"

MATTIA DAMIANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
A

rma dei Carabinieri e Ministero della Difesa chiedono di costituirsi parte civile nel processo sul depistaggio successivo alla morte di Stefano Cucchi, istituito nei confronti di otto militari accusati a vario titolo nel procedimento sul depistaggio legato al decesso del geometra romano, avvenuto il 22 ottobre 2009. Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere sull'istanza di costituzione, presentanta anche dai familiari di Cucchi, dal carabiniere Riccardo Casamassima (che contribuì a far riaprire le indagini) dai tre carabinieri già assolti, dalla onlus Cittadinanzattiva e dal Sindacato dei Militari, aggiornando l'udienza preliminare al 17 e 18 giugno prossimi. Una notizia accolta con soddisfazione dai familiari di Cucchi, a cominciare dalla sorella Ilaria: "Dopo 10 anni oggi è una giornata significativa e sono davvero emozionata per la decisione dell'Arma dei Carabinieri di volersi costituire parte civile, è una cosa senza precedenti". Questo, secondo la sorella di Stefano, è dedicato "a chi continua a insinuare che la famiglia Cucchi sia contro i carabinieri e viceversa". Intanto, dal premier Conte è arrivato l'ok affinché anche il Viminale possa costituirsi parte civile.


Casamassima: "Ho parlato e sto pagando"

Il geometra romano, arrestato per essere stato trovato in possesso di stupefacenti, poi sottoposto a un pestaggio in caserma dopo il rifiuto di sottoporsi al fotosegnalamento, aveva riportato, come poi affermato dai medici, "lesioni che nei giorni successivi determinarono il suo decesso", avvenuto nell'ospedale romano "Sandro Pertini" una settimana dopo. Il processo sul depistaggio, volto ad appurare le dinamiche sulle coperture dell'avvenuto pestaggio, è stato riaperto a seguito delle dichiarazioni dell'appuntato Riccardo Casamassima il quale ha raccontato di "star pagando da anni per aver detto la verità in questo processo. Me l’hanno fatta pagare in ogni modo. Oggi non potevo non costituirmi parte civile per la vicenda legata ai falsi e ai depistaggi. La richiesta dell’Arma è solo una farsa".


Le accuse

Agli imputati, i quali hanno fatto richiesat di processo con rito ordinario, il pm Giovanni Musarò contesta a vario titolo, a seconda delle rispettive posizioni, i reati di falso ideologico, omessa denuncia, favoreggiamento e calunnia, con riferimento particolare alle condotte successive che portarono alla modifica delle annotazioni realative allo stato di salute del 31enne quando, tra il 15 e il 16 ottobre 2009, venne portato alla caserma di Tor Sapienza, scritte subito dopo la sua morte.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Preghiera
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, a Padova scuola di preghiera da casa su YouTube

Alla Basilica di Assisi si è pregato oggi per la fine dell'epidemia
Sala parto
NASCITE

Troppo bisturi in sala parto. All'Italia il record Ue

Negli ultimi 15 anni è raddoppiato il numero dei bambini nati con parto cesareo (1 su 5 nel mondo, 1 su 4 in Italia)
Papa Francesco a Bari - Foto © Vatican Media
CHIESA IN USCITA

Il Papa: "La guerra è il fallimento di ogni progetto umano e divino"

Il Santo Padre al convegno "Mediterraneo frontiera di pace": "Non ci sono vie alternative al dialogo"
L'EPIDEMIA

Coronavirus, Conte: "Il decreto legge è per tutelare la salute degli italiani"

Nel provvedimento misure per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica
ANNIVERSARIO

Ad Ancona due vie per il Papa che ha cambiato la storia

Nel capoluogo marchigiano saranno intitolate Largo San Giovanni Paolo II e Molo Wojtyla. Convegni e mostre nel centenario della...
L'EPIDEMIA

Mattarella: "Riconoscenza a quanti si impegnano per fronteggiare il coronavirus"

Un caso sospetto in Umbria. Conte: "Al lavoro senza sosta per reagire all'emergenza
L'EPIDEMIA

Le 10 regole per prevenire il contagio da coronavirus

I consigli del Ministero della Salute per cercare di contenere la diffusione del virus
PRECAUZIONI

La liturgia al tempo della pandemia

No alla stretta di mano per lo scambio della pace e all'ostia in bocca. Le diocesi di Piacenza e Vercelli adottano per le...
Sigarette
TOBACCO CONTROL SCALE 2019

Prevenzione del tabagismo: Italia 16esima in Ue

Primo il Regno Unito; all'ultimo posta la Germania e penultima la Svizzera
ECONOMIA

Coronavirus, il Fmi taglia il Pil mondiale

La direttrice Georgieva: "Guardiamo anche a scenari più preoccupanti"
I carabinieri alla ex fornace, Valle Aurelia, Roma
ROMA

Minorenni violenti: droga, risse e vandalismo, 19 denunce

Sono stati sorpresi all’interno della ex fornace Veschi a Valle Aurelia
TERREMOTO

Trema l'Emilia: scossa magnitudo 3.4 a Correggio

Al momento non si segnalano danni
EGITTO

Zaky, prolungata di 15 giorni la custodia cautelare

Sit-in all'Università della Calabria: "In lotta per Patrick"
L'ospedale di Tivoli
TIVOLI | ROMA

Sedava i pazienti e poi ne abusava: medico arrestato

E' ai domiciliari. Il gip Morgigni: "Sussistenti i gravi indizi di colpevolezza"
Carlo Acutis e padre Rutilio Grande Garcia
VATICANO

Carlo Acutis e il gesuita Rutilio Grande Garcia saranno beati

Papa Francesco ha autorizzato a promulgare i rispettivi decreti
Il carro
SCIACCA | AGRIGENTO

Tragedia al carvevale: bimbo muore cadendo dal carro

La procura ha aperto un'inchiesta: ascoltati i testimoni. Celebrazioni annullate