Benzinaio si tuffa e salva la vita a un bambino di 5 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:18

Sfiora il miracolo il gesto compiuto Angel Micael Vargas Fernandez, ventenne argentino che per sbarcare il lunario lavora part time presso un distributore di benzina lungo la strada provinciale 159 a Casalmaiocco, in provincia di Lodi. Ha salvato la vita a un bambino di 5 anni che stava cadendo dal secondo piano di una palazzina nell'area di servizio, lanciandosi a sua volta nel vuoto per afferrarlo al volo. I due sono entrambi ricoverati in condizioni non gravi.

Il salvataggio

Angel era solo, il suo titolare era fuori per una consegna, quando ha visto un ragazzino scavalcare il cordolo di un balcone al secondo piano di una palazzina di tre. Il piccolo si è ritrovato all'improvviso sospeso nel vuoto, aggrappato alla struttura aggettante che sovrasta il piazzale del distributore. Le sue grida hanno d'aiuto hanno richiamato l'attenzione del giovane che – secondo quanto ha detto il suo datore di lavoro al Corriere della Sera – avrebbe portato sotto di lui un furgone e ci sarebbe salito solo sopra per recuperare il bambino, non riuscendoci a causa dell'altezza del cornicione. Il piccolo è scivolato, ha perso la presa ed è caduto. D'istinto Angel si è tuffato e lo ha preso in volo. Per attutire la caduta si è stretto il corpo del ragazzino ed ha riportato alcune escoriazioni.

Valori

Il ritratto di Angel, da 12 anni in Italia e da due dipendente dell'autolavaggio, che ne fanno i genitori è quello di un vero altruista. “Siamo molto credenti, ho sempre cercato di inculcargli i valori cattolici“, ha detto il padre Miguel al Corriere. Ex alunno di una scuola tenuta dalla suore nel suo paese natale, l'Argentina ,”non ha mai dimenticato gli insegnamenti con alla base l'aiuto al prossimo“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.