Ambulanza cade in una scarpata: morto il paziente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:26

Una tragedia quella accaduta a Pertusio, nel torinese: un'ambulanza della Croce Bianca del Canavese è finita in una scarpata mentre trasportava un paziente il quale, immobilizzato sul lettino interno, è morto a seguito dell'incidente. I due volontari che lo trasportavano, invece, sono stati estratti vivi dai Vigili del fuoco di Rivarolo, Castellamonte Ivrea, accorsi sul luogo dell'accaduto: i pompieri, assieme ai sanitari giunti poco dopo, hanno tentato, invano, di salvare anche il paziente per il quale, purtroppo, non c'è stato nulla da fare. L'incidente è avvenuto nella frazione di Piandane, sulla strada provinciale che la collega a Pertusio.

L'allarme

Secondo quanto riportato da alcune testimonianze, l'ambulanza aveva appena caricato il paziente quando, dopo aver perso il controllo del mezzo, l'autista è finito nel dirupo, precipitando per alcuni metri. Sembra che il mezzo sia finito fuori strada da solo, senza coinvolgere altri veicoli: la persona deceduta è un uomo di 74 anni, caricato dai soccorritori nella sua casa, distante appena 300 metri dal luogo dell'incidente. A dare l'allarme sarebbe stato un vicino di casa della vittima, il quale avrebbe visto le luci del mezzo di soccorso lampeggiare fra gli alberi della boscaglia, senza tuttavia udire più la sirena. Alcuni fusti sarebbero riusciti ad arrestare la caduta, bloccando il veicolo a circa cinque metri dal ciglio della strada: oltre le piante, la scarpata prosegue per un dislivello di almeno 50 metri.

Indagini in corso

I due volontari recuperati hanno riportato alcune ferite ma non sarebbero in gravi condizioni. Nel frattempo, i Carabinieri della compagnia di Ivrea hanno aperto un'indagine per appurare la dinamica dell'incidente, avvenuto all'uscita di una curva stretta. Al momento, sono in corso le operazioni di recupero le quali, però, si presentano piuttosto complesse per il poco spazio ma anche per la precarietà dell'ambulanza, posta in una posizione che, a un movimento errato, potrebbe farla precipitare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.